GLOSSARIO

PACTA SUNT SERVANDA – RISPETTO DEI TRATTATI

Pacta sunt servanda esprime un principio fondamentale e universalmente riconosciuto del diritto internazionale generale, ovverosia il diritto che si applica a tutti gli Stati e sul quale si basano le relazioni internazionali tra gli Stati: i patti, i trattati, le intese o più in generale gli accordi degli Stati vanno rispettati.
L’art. 26 della Convenzione sul diritto dei trattati (Vienna, 23 maggio 1969) è rubricata pacta sunt servanda e afferma: «Ogni trattato in vigore vincola le parti e deve essere da esse eseguito in buona fede».
L’art. 10 comma 1 della Costituzione italiana stabilisce che “L’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme di diritto internazionale generalmente riconosciute.”
Tale norma si riferisce appunto alle consuetudini internazionali (assieme ad altre controverse fonti generali internazionali) sancendo l’obbligatorietà all’interno dell’ordinamento giuridico italiano di queste ultime.
Poiché “pacta sunt servanda” è appunto una consuetudine internazionale e come tale vincolante tutti gli stati (per l’Italia in virtù dell’art. 10), autorevole dottrina (Rolando Quadri) è giunta a sostenere che anche ai patti debba conformarsi l’ordinamento giuridico italiano in ossequio al principio previsto dall’art. 10.
Se un patto non venisse rispettato dall’Italia, si violerebbe non già lo stesso patto ma al contempo una norma di rango costituzionale.
Tuttavia a parte il riconoscimento di una impeccabile argomentazione logica, non si può, secondo altra parte della dottrina (Conforti), accettare una simile teoria in quanto la volontà del costituente nel redigere l’art. 10 è messa in luce dai lavori preparatori; né potrebbe ipotizzarsi l’assurgere di un trattato internazionale a rango di norma costituzionale.
Visto il proliferare degli accordi nei più disparati settori, si rischierebbe, accettando la visione del Quadri, di aggirare importanti garanzie costituzionali mediante la stipula di trattati.
Discorso diverso può farsi per altri ordinamenti, quali ad esempio gli Stati Uniti d’America o la Francia nelle cui rispettive costituzioni è espressamente previsto l’adattamento ai trattati.

ART. 51 – CARTA DELLE NAZIONI UNITE

Nessuna disposizione del presente Statuto pregiudica il diritto naturale di autotutela individuale o collettiva, nel caso che abbia luogo un attacco armato contro un Membro delle Nazioni Unite, fintantoché il Consiglio di Sicurezza non abbia preso le misure necessarie per mantenere la pace e la sicurezza internazionale.

Le misure prese da Membri nell’esercizio di questo diritto di autotutela sono immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza e non pregiudicano in alcun modo il potere e il compito spettanti, secondo il presente Statuto, al Consiglio di Sicurezza, di intraprendere in qualsiasi momento quell’azione che esso ritenga necessaria per mantenere o ristabilire la pace e la sicurezza internazionale.


Legittima difesa. Diritto internazionale
Nel diritto internazionale, la legittima difesa – quale diritto di uno Stato di opporre una reazione armata, anche con l’assistenza di Stati terzi, a difesa della propria integrità territoriale e indipendenza politica – è contemplata da una norma consuetudinaria che trova conferma nell’art. 51 della Carta delle Nazioni Unite. La legittima difesa si configura, infatti, come un’eccezione al divieto dell’uso della forza previsto nell’art. 2, par. 4, della Carta (Uso della forza. Diritto internazionale).
L’art. 51 citato ribadisce il «diritto naturale» alla legittima difesa individuale o collettiva, nel caso in cui si verifichi un attacco armato contro un membro delle Nazioni Unite, fintantoché il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non abbia preso le misure necessarie per mantenere la pace e la sicurezza internazionali. Le misure adottate dagli Stati membri nell’esercizio della legittima difesa devono essere immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di sicurezza e possono essere mantenute soltanto finché il Consiglio non prenda le decisioni necessarie per ristabilire la pace.


Condizioni per l’esercizio della legittima difesa.
La legittima difesa può esercitarsi solo in caso di attacco armato in atto, sferrato da forze regolari attraverso una frontiera internazionale o attraverso l’invio di bande armate sul territorio di un altro Stato, quando tale operazione, per la sua ampiezza, configuri un’aggressione armata (Aggressione. Diritto internazionale).
L’azione militare deve inoltre rispettare i parametri della necessità e della proporzionalità.
L’art. 51 della Carta dell’ONU e la corrispondente norma di diritto consuetudinario vietano pertanto un’occupazione militare prolungata e l’annessione del territorio dello Stato autore dell’attacco.


La legittima difesa ‘preventiva’.
La nozione di legittima difesa è stata a volte interpretata in modo estensivo, facendovi rientrare anche azioni armate dirette a respingere un attacco militare certo e imminente, ma non ancora sferrato (cosiddetta legittima difesa preventiva).
Secondo gli Stati che l’hanno proposta (Stati Uniti e Israele, in diverse occasioni), tale accezione estesa è ammessa nel diritto internazionale generale, come ritiene anche una parte della dottrina.
Sono invece da considerarsi privi di fondamento nel diritto internazionale ulteriori ampliamenti della nozione, collegati alla lotta contro il terrorismo e finalizzati a legittimare azioni armate condotte contro entità non statali (come Al Qaida o altre organizzazioni terroristiche) anche in territorio estero e senza il previo consenso del sovrano territoriale (cosiddetta ‘azione preventiva’).


Voci correlate
Autotutela. Diritto internazionale
Uso della forza. Diritto internazionale

ART. 2 PARAGRAFO 4 DELLA CARTA DELLE NAZIONI UNITE

Nel settore dell’uso della forza, l’affermazione del principio di autodeterminazione ha avuto una duplice conseguenza.
Da un lato,  esso ha ampliato la portata de divieto di cui all’art.2 pag. 4, della Carta delle Nazioni Unite, proibendo agli Stati di ricorerre alla minaccia, o all’uso della forza contro il Popoli che invocano il diritto di autodeterminazione.
Dall’altra parte, i Movimenti di Liberazione in lotta per l’autodeterminazione hanno il diritto di ricorrere alla forza per reagire contro lo Stato che impedisce con la forza l’esercizio del diritto di autodeterminazione.

commenti:
Anche allo stato italiano è fatto divieto, quindi proibito, di ricorrere all’uso della forza contro i Popoli che invocano il diritto di autodeterminazione.
L’art.2 pag. 4 della Carta delle Nazioni Unite precisa altresì che gli stati, quindi compreso quello italiano, non può ricorrere neppure alla minaccia, ovvero all’intimidazione contro i Popoli che invocano il diritto di autodeterminazione.
Per intimidazione e minaccia deve intendersi anche la provocazione, quale sfida o istigazione da parte dello stato occupante nei confronti dei Popoli che invocano il diritto di autodeterminazione.
Lo stato italiano sfida ogni giorno il Popolo Veneto e calpesta deliberatamente i suoi diritti previsti per legge.
La sua è una sfida intenzionale.
L’intimidazione è destinata a trascinarci tutti in un forzato confronto con le sue istituzioni che agiscono illegalmente sui nostri territori.
Come quasi tutti i tiranni, anche lo stato italiano, ha necessità di “giustificare” il proprio operato ma, essendo una “falsa democrazia”, lo deve fare con il pretesto dell’ordine pubblico o magari anche del terrorismo.
Il Popolo Veneto va quindi piegato dalla paura, dal timore di una aggressiva, folle e illegittima reazione da parte dello stato occupante.
Per lo stato italiano il Popolo Veneto non esiste (come se bastasse una sentenza della loro corte costituzionale a cancellare ciò che siamo).
Questa è una incontrovertibile offesa ed è nostro diritto che lo stato italiano si scusi con il Popolo Veneto per tanta arrogante e oltraggiosa insolenza.
Ma perché tanta imprudenza?
Ci hanno abituati che ad ogni azione corrisponde una reazione.
Ciò nonostante, per ogni dispotismo il presupposto di ogni repressione è fondato sul principio che non può esserci confronto se non ci sono gli “sfidanti”.
Il sistema è sempre lo stesso.
Lo stato dominante ha bisogno di trascinare il “confronto” (che tale non è) sul piano della forza perché è quello a cui sono abituati, dove si sentono più forti e possono pretestuosamente “sopprimere” gli avversari e calpestare i loro ideali.
Ma se i nemici non ci sono come potrebbe giustificare tanta veemenza?
Ricordate il caso “Polisia Veneta”???
Ecco un tangibile esempio di tale strategia.
Pur sapendo di mentire, polizia e magistratura, con la complicità di taluni italianissimi mezzi di informazione mediatica, hanno presentato questo Movimento di Liberazione Nazionale come un accozzaglia di sprovveduti, di malviventi, armati e pronti alla guerra.
Una indegna, impunita e ipocrita commedia.
Ma si sa che lo stato italiano è fondato sulla frode fin dal suo inizio ed è abituato a sopprimere con violenza chi vi si oppone … è una ineluttabile dinamica perché nell’esercizio di una forza sono sempre coinvolti due rivali.
E’ in questa dualità che si confrontano il bene e il male, il giusto e il malavitoso, la democrazia e la tirannia.
Questo è il percorso del MLNV, che scioglie i nodi con il sistema e non accetta compromessi o “allettanti scorciatoie”.
Non sono solo i soldi a nuocere, ma anche l’ambizione del potere.
Il ripristino di una Nazione è spesso giocata sul tavolo di avvoltoi e imbonitori, con interessi inimmaginabili.
Un Popolo, rimane spesso il protagonista assente del proprio destino.
WSM
Venetia, giovedì 1 novembre 2018
Sergio Bortotto
Presidente del MLNV e del Governo Veneto Provvisorio.

L’uso della forza nel panorama del diritto internazionale è, molto probabilmente, uno degli argomenti più interessanti, controversi e criticabili su cui soffermarsi. Nel Preambolo della Carta dell’Onu si legge “noi popoli delle Nazioni Unite (siamo) decisi a salvare le generazioni future da ulteriori guerre“; nel mondo, però, dal 1945, anno di ratifica della Carta, ci sono stati più di 100 conflitti armati, con più di 20 milioni di vittime. Se da una parte la Carta, dunque, vieta la minaccia e l’uso della forza (art.2 par.4), dall’altra ci sono delle eccezioni in cui si può ricorrere ad essa: la legittima difesa individuale e collettiva in caso di attacco armato e il sistema di sicurezza collettiva ad opera del Consiglio di Sicurezza, a riguardo il capitolo VII della stessa.

È interessante, dunque, l’analisi di questo meccanismo e i chiari riferimenti presenti nello Statuto dell’Organizzazione.

All’art.2(4) si legge “I Membri devono astenersi nelle loro relazioni internazionali dalla minaccia o dall’uso della forza, sia contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato, sia in qualunque altra maniera incompatibile con i fini delle Nazioni Unite”.

Non rispettare questo articolo comporterebbe una violazione del diritto internazionale, quanto più grave se si pensa che disattendere il divieto dell’uso della forza può essere annoverato anche come una violazione stessa di diritto consuetudinario, come ha riconosciuto la Corte Internazionale di Giustizia nella celebre sentenza del 1986 relativa ad uno dei casi più importanti del diritto internazionale dal dopoguerra, ossia Nicaragua vs Stati Uniti.

Dal canto suo la Commissione del Diritto Internazionale ha espresso la sua visione a riguardo, affermando che le disposizioni della Carta riguardanti il divieto dell’uso della forza costituiscono un esempio cospicuo di una regola di diritto internazionale avente il carattere di jus cogens. Questa analisi aggraverebbe ulteriormente un comportamento di tal genere.

Che cosa si intende, però, per uso della forza? Leggendo la Carta si può notare che la parola “guerra” non è mai menzionata, ma è usato il sostantivo “forza”, insieme all’espressione “misure coercitive”; tradizionalmente, la guerra è la forma più grave di “forza” ma non l’unica. Per prima cosa, con l’espressione “forza” si fa riferimento alla “forza armata” ma ciò non esclude che anche altri tipi di forze come quella economica e politica non rientrino in questa categoria.

L’organo che ha la responsabilità primaria di mantenere la pace e la sicurezza internazionale è il Consiglio di Sicurezza, come sancito dall’art. 24 della Carta. Nel capitolo VII dello Statuto, all’art. 39 si legge: “Il Consiglio di Sicurezza accerta l’esistenza di una minaccia alla pace, di una violazione della pace, o di un atto di aggressione, e fa raccomandazione o decide quali misure debbano essere prese in conformità agli articoli 41 e 42 per mantenere o ristabilire la pace e la sicurezza internazionale.

Dunque qualsiasi decisione riguardante la minaccia o la violazione della pace deve passare sotto l’analisi del Consiglio di Sicurezza.

I casi eccezionali: Autodifesa

Come già accennato precedentemente, la Carta sancisce due situazioni nelle quali il divieto non si applica. Da una parte, le misure coercitive possono essere prese o autorizzate dal Consiglio di Sicurezza, secondo quanto stabilito dal Capitolo VII; dall’altra, la forza può essere utilizzata qualora venga esercitato il diritto di autodifesa collettiva od individuale, come riconosciuto dall’art.51.

Il principio di autodifesa è da annoverare tra i “diritti innati” di tutti gli statima se da una parte il diritto di proteggere sé stessi da un attacco esterno è indiscutibile ed è alla base dell’istinto umano di sopravvivenza, dall’altra la sua definizione giuridica e ambito di applicazione è stato oggetto di diverse discussioni e controversie. Secondo quanto stabilito dall’art. 51 si comprendono tre caratteristiche e comportamenti che devono essere seguiti. Per prima cosa, esso si applica solo “contro un attacco armato”; in secondo luogo, gli Stati hanno il dovere di riportare al Consiglio di Sicurezza l’esercizio del diritto di autodifesa. In ultimo, questo diritto deve essere sospeso non appena il Consiglio di Sicurezza prenda le misure, ritenute necessarie, atte a mantenere e restaurare la pace e la sicurezza internazionale. A riguardo, bisogna menzionare i tre elementi alla base della possibilità di uso della forza nel caso di autodifesa, che non sono espliciti nella Carta ma fanno parte del diritto internazionale consuetudinario: necessità, proporzione e immediatezza. Per quanto riguarda il primo elemento, nonostante non sia esplicitamente scritto, può essere dedotto dall’articolo stesso, nel quale viene stabilito che lo stato può intervenire fin quando il Consiglio non abbia adottato le misure necessarie per ristabilire la pace e la sicurezza internazionale. Dunque, gli Stati possono ricorrere alla forza perché è l’unica opzione per riportare la pace. Relativamente alla seconda condizione, la proporzionalità, si intende che la difesa condotta dallo Stato non deve superare l’offesa sofferta. Venga preso come esempio di non proporzionalità l’attacco di Israele contro il Libano nel 2006, in risposta ad un’offensiva di Hezbollah. Molti stati hanno condannato Israele perché il suo attacco armato era esagerato rispetto a quello subito. Infine, con il concetto di immediatezza si intende che l’azione debba essere realizzata in tempi ragionevolmente veloci, nel senso che non deve essere temporalmente e finalisticamente distante dall’attacco subito, perché non si parlerebbe di autodifesa ma quasi, piuttosto, di un nuovo attacco armato.

Per quanto riguarda l’esercizio del diritto di autodifesa esistono due scuole di pensiero: da una parte troviamo un’interpretazione più ampia, supportata soprattutto da Stati Uniti, Israele e Gran Bretagna, dall’altra un’interpretazione più ristretta secondo cui un attacco può essere definito “armato” solo quando vi è un esercito regolare di uno Stato in territorio, terrestre, aereo o di mare, di un altro. Secondo questa interpretazione è necessario che l’attacco sia stato commesso prima di invocare il diritto dell’uso della forza in nome dell’autodifesa. L’interpretazione più estesa ha, invece, una tradizione più antica, legata al diritto internazionale consuetudinario in forza prima della ratifica della Carta ONU. I sostenitori di questa visione ritengono che l’autodifesa possa essere invocata sia in caso di autodifesa “preventiva” sia in caso di protezione di nazionali all’estero.

Un’altra importante questione che si presenta e a cui è interessante fare riferimento riguarda il dibattito relativo alla classificazione degli attacchi terroristici come conflitti armati o meno e alla possibilità in tal caso di invocare l’autodifesa. L’argomento è diventato, ovviamente, sempre più oggetto di discussione e di interesse all’indomani degli attacchi terroristici dell’11 settembre. Con le risoluzioni 1368 e 1373, il Consiglio di Sicurezza ha stabilito che gli attacchi terroristici non sono da considerare “attacchi armati” ma piuttosto minaccia alla pace. Allo stesso tempo, concedendo il diritto innato di autodifesa in accordo con la Carta, sono stati riconosciuti indirettamente come attacchi armati, anche se questi dovrebbero essere caratterizzati da un significativo livello di coinvolgimento del governo e in casi di terrorismo spesso non vi è coinvolgimento di alcuno stato.

Capitolo VII della Carta

A questo punto l’attenzione va spostata sul secondo caso eccezionale: un ordine o, meglio dire, un’autorizzazione di uso della forza secondo l’art. 42, qualora una minaccia, una violazione alla pace o un atto di aggressione si siano verificate. La Carta prevedeva, inizialmente, un meccanismo di azioni per il mantenimento o il ristabilimento della pace portate avanti direttamente dal Consiglio di Sicurezza con forze militari messe a disposizione da parte degli Stati membri, sulla base di accordi che si sarebbero dovuti stipulare in base all’art. 43. Dal momento che questi accordi non sono stati stipulati, il meccanismo ha funzionato ricorrendo ad azioni degli Stati autorizzate dal Consiglio di Sicurezza o con azioni più limitate decise dal Consiglio e gestite dal Segretario Generale secondo le direttive del Consiglio stesso. In questo secondo caso si fa riferimento alle cosiddette operazioni di peace keeping, o di mantenimento della pace. Inizialmente caratterizzate da invio di osservatori e corpi militari, nel corso degli anni novanta, hanno incarnato le forme più importanti e criticabili.

All’indomani della fine della Guerra Fredda, periodo durante il quale il Consiglio di Sicurezza si trovava bloccato dal veto di uno o di più Membri Permanenti, dovuto all’opposizione tra USA e URSS, esso ha utilizzato questo suo potere in numerose occasioni, adottando risoluzioni di autorizzazione. Si possono citare la Somalia, Timor Est e l’Afghanistan.

Seppur più volte oltrepassato, nei limiti sanciti dalla Carta, o anche superando ciò che la Carta permetteva, il divieto di uso della forza non si è mai dissolto e anzi è considerato uno dei principi alla base della cooperazione tra gli Stati ed è mosso, almeno in teoria, dalla necessità di promuovere il rispetto per i diritti umani e la democrazia.

Fonti e Approfondimenti:

Carta delle Nazioni Unite (San Francisco, 26 giugno 1945), https://www.admin.ch/opc/it/classified-compilation/20012770/200609120000/0.120.pdf

UNSC res. 1368 (2001), http://www.un.org/en/ga/search/view_doc.asp?symbol=S/RES/1368(2001)

UNSC res. 1373 (2001), http://www.un.org/en/sc/ctc/specialmeetings/2012/docs/United%20Nations%20Security%20Council%20Resolution%201373%20(2001).pdf

– DAVID Kretzmer, The Inherent Right to Self-Defence and Proportionality in Jus Ad Bellum, http://www.ejil.org/pdfs/24/1/2380.pdf

LORENZO Trombetta, ‘La Siria, Hezbollah e quei razzi d’avvertimento su Israele’ (2011) LIMES, http://www.limesonline.com/rubrica/la-siria-hezbollah-e-quei-razzi-davvertimento-su-israele

Max Planck Institute for comparative public law and international law, http://www.mpil.de/en/pub/publications/archive/wcd.cfm?fuseaction_wcd=aktdat&aktdat=106010000100.cfm

MICHEAL Wood, International Law and the use of force: what happens in practice?, in Indian Journal of International Law, 2013, http://legal.un.org/avl/pdf/ls/Wood_article.pdf

http://www.studiperlapace.it/view_news_html?news_id=20060811163811

NICHOLAS Rostow, International Law and the Use of Force: A Plea for Realism, 34 Yale J. Int’l L. (2009). Available at: http://digitalcommons.law.yale.edu/yjil/vol34/iss2/13

https://www.peacepalacelibrary.nl/research-guides/war-and-peace/use-of-force/

CONVENZIONE DI VIENNA SUL DIRITTO DEI TRATTATI


Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 

Approvata dall’Assemblea federale il 15 dicembre 19892
Istrumento d’adesione depositato dalla Svizzera il 7 maggio 1990
Entrata in vigore per la Svizzera il 6 giugno 1990
(Stato 15  giugno 2012)
Gli Stati parti della presente convenzione,
considerando l’importanza fondamentale dei trattati nella storia delle relazioni internazionali,
riconoscendo l’importanza sempre maggiore dei trattati quale fonte di diritto internazionale e quale mezzo per sviluppare la collaborazione pacifica fra le Nazioni, quali che siano i loro regimi costituzionali e sociali,
constatando che i principi del libero consenso e della buona fede nonché la norma pacta sunt servanda sono universalmente riconosciuti,
affermando che le controversie relative ai trattati devono, così come le altre controversie internazionali, essere composte con mezzi pacifici e secondo i principi della giustizia e del diritto internazionale,
ricordando la decisione dei popoli delle Nazioni Unite di creare le condizioni necessarie al mantenimento della giustizia e del rispetto degli obblighi sorti dai trattati,
coscienti dei principi di diritto internazionale contenuti nella Carta delle Nazioni Unite3, quali i principi concernenti l’uguaglianza dei diritti dei popoli e il loro diritto di disporre di sé stessi, l’eguaglianza sovrana e l’indipendenza di tutti gli Stati, la non-ingerenza negli affari interni degli Stati, il divieto di fare uso di minacce o dell’uso della forza ed il rispetto universale ed effettivo dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali per tutti,
convinti che la codificazione e il progressivo sviluppo del diritto dei trattati realizzati dalla presente convenzione gioveranno ai fini delle Nazioni Unite enunciati nella Carta, che sono quelli di mantenere la pace e la sicurezza internazionali, di sviluppare delle relazioni amichevoli tra le Nazioni e di porre in atto la collaborazione internazionale,
affermando che le norme del diritto internazionale consuetudinario continueranno a regolare le questioni non disciplinate dalle disposizioni della presente convenzione,
hanno convenuto quanto segue:
Parte 1 Introduzione
La presente convenzione si applica ai trattati tra Stati.
1.  Ai fini della presente convenzione:
a)
il termine «trattato» indica un accordo internazionale concluso per iscritto tra Stati e regolato dal diritto internazionale, che sia costituito da un solo strumento o da due o più strumenti connessi, qualunque ne sia la particolare denominazione;
b)
i termini «ratifica», «accettazione», «approvazione» ed «adesione» indicano, a seconda dei casi, l’atto internazionale così chiamato con il quale uno Stato sancisce sul piano internazionale il proprio consenso ad essere vincolato da un trattato;
c)
l’espressione «pieni poteri» indica un documento emanato dall’autorità competente di uno Stato che designi una o più persone a rappresentare lo Stato nel corso dei negoziati, l’adozione o l’autenticazione del testo di un trattato, per esprimere il consenso dello Stato stesso ad essere vincolato da un trattato o per compiere ogni altro atto riguardante il trattato stesso;
d)
il termine «riserva» indica una dichiarazione unilaterale, quale che sia la sua formulazione o indicazione, fatta da uno Stato al momento in cui firma, ratifica, accetta, approva un trattato o vi aderisce, mediante la quale mira ad escludere o a modificare l’effetto giuridico di alcune disposizioni del trattato nella loro applicazione a tale Stato;
e)
l’espressione «Stato che ha partecipato ai negoziati» indica uno Stato che abbia partecipato all’elaborazione e all’adozione del testo del trattato;
f)
l’espressione «Stato contraente» indica uno Stato che ha acconsentito ad essere vincolato dal trattato, indipendentemente dal fatto che il trattato sia entrato in vigore o meno;
g)
il termine «parte» indica uno Stato che ha consentito ad essere vincolato dal trattato e nei cui confronti il trattato sia in vigore;
h)
l’espressione «terzo Stato» indica uno Stato che non è parte del trattato;
i)
l’espressione «Organizzazione internazionale» indica una organizzazione fra governi.
2.  Le disposizioni del paragrafo 1 concernenti i termini e le espressioni usati nella presente convenzione non pregiudicano l’impiego di tali espressioni né il senso che può venir loro dato nel diritto interno di uno Stato.
Il fatto che la presente convenzione non si applichi né agli accordi internazionali conclusi tra gli Stati ed altri soggetti di diritto internazionale o tra questi altri soggetti di diritto internazionale né agli accordi internazionali che non sono stati conclusi per iscritto, non pregiudica:
a)
il valore giuridico di tali accordi;
b)
l’applicazione a tali accordi di ogni norma enunciata nella presente convenzione alla quale sarebbero soggetti in base al diritto internazionale indipendentemente dalla predetta convenzione;
c)
l’applicazione della convenzione ai rapporti fra Stati regolati da accordi internazionali dei quali sono egualmente parti altri soggetti di diritto internazionale.
Salva restando l’applicazione di qualsiasi norma enunciata nella presente convenzione alla quale i trattati sarebbero soggetti in base al diritto internazionale indipendentemente dalla predetta convenzione, questa si applica nei confronti di tali Stati soltanto ai trattati conclusi dopo la sua entrata in vigore.
La presente convenzione si applica ad ogni trattato che sia atto costitutivo di una organizzazione internazionale e ad ogni trattato adottato in seno ad una organizzazione internazionale, con riserva di qualsiasi norma pertinente all’organizzazione.
Parte II Conclusione ed entrata in vigore dei trattati
Sezione 1 Conclusione dei trattati
Ogni Stato ha la capacità di concludere dei trattati.
1.  Un individuo viene considerato il rappresentante di uno Stato per l’adozione o l’autenticazione del testo di un trattato o per esprimere il consenso dello Stato ad essere vincolato da un trattato:
a)
quando presenti i pieni poteri del caso;
b)
quando risulti dalla pratica degli Stati interessati o da altre circostanze che detti Stati avevano l’intenzione di considerare tale individuo come rappresentante dello Stato a tali fini e di non richiedere perciò la presentazione dei pieni poteri.
2.  Sono considerati rappresentanti dello Stato al quale appartengono, in virtù delle loro funzioni, e senza dover presentare i pieni poteri:
a)
i Capi di Stato, i Capi di Governo ed i Ministri degli affari esteri, per tutti gli atti relativi alla conclusione di un trattato;
b)
i capi di missioni diplomatiche, per l’adozione del testo di un trattato tra lo Stato accreditante e lo Stato accreditatario;
c)
i rappresentanti accreditati degli Stati ad una conferenza internazionale o presso un’organizzazione internazionale o uno dei suoi organi, per l’adozione del testo di un trattato nel corso di detta conferenza, presso detta organizzazione o detto organo.
Un atto concernente la conclusione di un trattato, compiuto da una persona che non può, in base all’articolo 7, essere considerata come autorizzata a rappresentare uno Stato a tale scopo è senza effetti giuridici, a meno che non sia confermato successivamente da tale Stato.
1.  L’adozione del testo di un trattato si compie con il consenso di tutti gli Stati partecipanti alla sua elaborazione, salvo i casi previsti dal paragrafo 2.
2.  L’adozione del testo di un trattato in una conferenza internazionale si compie con la maggioranza dei due terzi degli Stati presenti e votanti, a meno che detti Stati non decidano, con la stessa maggioranza, di applicare una norma diversa.
Il testo di un trattato è ritenuto autentico e definitivo:
a)
in base alla procedura stabilita in tale testo o convenuta dagli Stati partecipanti all’elaborazione del trattato; o,
b)
in mancanza di tale procedura, con la firma, la firma ad referendum o la parafatura, da parte dei rappresentanti di detti Stati, del testo del trattato o dell’atto finale di una conferenza nel quale il testo venga depositato.
Il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato può essere espresso con la firma, lo scambio di strumenti che formano il trattato, la ratifica, l’accettazione, l’approvazione o l’adesione, o con ogni altro mezzo convenuto.
1.  Il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato viene espresso con la firma del rappresentante di tale Stato:
a)
quando il trattato prevede che la firma abbia tale effetto;
b)
quando sia stato accertato che gli Stati che hanno partecipato ai negoziati avevano convenuto che la firma avrebbe avuto tale effetto; o
c)
quando l’intenzione dello Stato di dare tale effetto alla firma risulti dai pieni poteri del suo rappresentante o sia stata espressa nel corso dei negoziati.
2.  Ai fini del paragrafo 1:
a)
la parafatura di un testo equivale alla firma di un trattato quando sia accertato che gli Stati che hanno partecipato al negoziato avevano così convenuto;
b)
la firma ad referendum di un trattato da parte del rappresentante di uno Stato, qualora venga confermata da quest’ultimo, equivale alla firma definitiva del trattato.
Il consenso degli Stati ad essere vincolati da un trattato costituito dagli strumenti scambiati fra di loro viene espresso con tale scambio:
a)
quando gli strumenti prevedono che il loro scambio avrà tale effetto; o
b)
quando sia d’altro canto accertato che tali Stati avevano convenuto che lo scambio degli strumenti avrebbe avuto tale effetto.
1.  Il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato si esprime con la ratifica:
a)
quando il trattato prevede che tale consenso si esprima con la ratifica;
b)
quando sia altrimenti accertato che gli Stati che hanno partecipato ai negoziati avevano convenuto che la ratifica era necessaria;
c)
quando il rappresentante di tale Stato abbia firmato il trattato con riserva di ratifica; o
d)
quando l’intenzione di tale Stato di firmare il trattato con riserva di ratifica risulti dai pieni poteri del suo rappresentante o sia stata espressa nel corso dei negoziati.
2.  Il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato si esprime con l’accettazione o l’approvazione in condizioni analoghe a quelle che si applicano per la ratifica.
Il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato si esprime con l’adesione:
a)
quando il trattato prevede che tale consenso possa essere espresso da tale Stato con l’adesione;
b)
quando sia altrimenti accertato che gli Stati che hanno partecipato ai negoziati avevano convenuto che tale consenso avrebbe potuto essere espresso da tale Stato con l’adesione;
c)
quando tutte le parti abbiano convenuto successivamente che il consenso avrebbe potuto essere espresso da tale Stato con l’adesione.
A meno che il trattato non disponga altrimenti, gli strumenti di ratifica, di accettazione, d’approvazione o di adesione accertano il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato al momento:
a)
del loro scambio tra gli Stati contraenti;
b)
del loro deposito presso il depositario; o
c)
della loro notifica agli Stati contraenti o al depositario, se così è stato convenuto.
1.  Fatte salve le disposizioni degli articoli da 19 a 23, il consenso di uno Stato ad essere vincolato da una parte di un trattato non ha efficacia se il trattato non lo prevede o se gli altri Stati contraenti non vi consentono.
2.  Il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato che permetta di scegliere fra disposizioni diverse non produce effetti se le disposizioni sulle quali si basa non sono chiaramente indicate.
Uno Stato deve astenersi dal compiere atti suscettibili di privare un trattato del suo oggetto e del suo scopo:
a)
quando ha firmato il trattato o scambiato gli strumenti costituenti il trattato, con riserva di ratifica, di accettazione o di approvazione, finché non ha manifestato la propria intenzione di non divenire parte del trattato; o
b)
quando ha espresso il proprio consenso ad essere vincolato da un trattato, nel periodo che precede l’entrata in vigore del trattato e a condizione che questa non sia indebitamente ritardata.
Sezione 2 Riserve
Uno Stato, al momento della firma, della ratifica, dell’accettazione, dell’approvazione di un trattato o al momento dell’adesione, può formulare una riserva, a meno che:
a)
la riserva non sia vietata dal trattato;
b)
il trattato disponga che si possono fare solo determinate riserve, tra le quali non figura la riserva in questione; o
c)
in casi diversi da quelli previsti ai commi a) e b), la riserva sia incompatibile con l’oggetto e lo scopo del trattato.
1.  Una riserva autorizzata espressamente da un trattato non deve essere accettata successivamente dagli altri Stati contraenti, a meno che il trattato non lo preveda.
2.  Quando risulti dal numero limitato degli Stati che hanno partecipato ai negoziati, nonché dall’oggetto e dallo scopo del trattato stesso, che l’applicazione dei trattato nella sua interezza tra tutte le parti è condizione essenziale per il consenso di ciascuna di esse ad essere vincolata dal trattato, una riserva deve essere accettata da tutte le Parti.
3.  Quando un trattato è un atto costitutivo di una Organizzazione internazionale, ed a meno che in esso non sia altrimenti previsto, una riserva esige anche l’accettazione dell’organo competente dell’organizzazione in questione.
4.  Nei casi diversi da quelli previsti dai paragrafi precedenti e a meno che il trattato non disponga altrimenti:
a)
l’accettazione di una riserva da parte di un altro Stato contraente rende lo Stato autore della riserva parte del trattato nei riguardi di tale altro Stato se il trattato è in vigore o quando esso entra in vigore per gli altri Stati summenzionati;
b)
l’obiezione ad una riserva sollevata da un altro Stato contraente non impedisce al trattato di entrare in vigore tra lo Stato che ha formulato l’obiezione e lo Stato autore della riserva, a meno che non sia stata chiaramente espressa una intenzione contraria da parte dello Stato che ha formulato l’obiezione;
e)
un atto che esprima il consenso di uno Stato ad essere vincolato dal trattato e che contenga una riserva diventa efficace dal momento in cui almeno un altro Stato contraente ha accettato la riserva.
5.  Ai fini dei paragrafi 2 e 4 e a meno che il trattato non preveda altrimenti, si ritiene che una riserva sia stata accettata da uno Stato qualora quest’ultimo non abbia formulato obiezioni alla riserva, sia allo scadere dei dodici mesi successivi alla data in cui ne ha ricevuto notifica, che alla data in cui ha espresso il proprio consenso ad essere vincolato dal trattato, quando quest’ultima sia posteriore.
1.  Una riserva formulata in conformità degli articoli 19, 20 e 23 nei confronti di un’altra parte:
a)
modifica, per lo Stato autore della riserva, nelle sue relazioni con quest’altra Parte le disposizioni del trattato sulle quali verte la riserva, nella misura prevista da detta riserva; e
b)
modifica nella stessa misura tali disposizioni per quest’altra parte nelle sue relazioni con lo Stato autore della riserva.
2.  La riserva non modifica le disposizioni del trattato per le altre parti del trattato nei loro rapporti inter se.
3.  Quando uno Stato che ha formulato un’obiezione ad una riserva non si è opposto all’entrata in vigore del trattato tra se stesso e lo Stato autore della riserva, le disposizioni oggetto della riserva non si applicano tra i due Stati, nella misura prevista dalla riserva stessa.
1.  A meno che il trattato non disponga altrimenti, una riserva può essere ritirata in ogni momento senza che il consenso dello Stato che ha accettato la riserva sia necessario per il suo ritiro.
2.  A meno che il trattato non disponga altrimenti, una obiezione ad una riserva può essere ritirata in ogni momento.
3.  A meno che il trattato non preveda altrimenti o che non sia altrimenti convenuto:
a)
il ritiro di una riserva ha efficacia nei confronti di un altro Stato contraente soltanto a partire dal momento in cui tale Stato ne ha ricevuto notifica;
b)
il ritiro di un’obiezione ad una riserva ha efficacia soltanto a partire dal momento in cui lo Stato che ha formulato la riserva ha ricevuto notifica di detto ritiro.
1.  La riserva, l’accettazione esplicita di una riserva e l’obiezione ad una riserva devono essere formulate per iscritto e comunicate agli Stati contraenti e agli altri Stati che sono qualificati per diventare parti del trattato.
2.  Una riserva che venga formulata al momento della firma del trattato con riserva di ratifica, accettazione o approvazione, deve essere confermata formalmente dallo Stato che ne è l’autore, quando esso esprime il proprio consenso ad essere vincolato dal trattato. In tal caso, si ritiene che la riserva sia stata fatta alla data in cui è stata confermata.
3.  Non occorre che siano confermate le accettazioni chiaramente espresse di una riserva o un’obiezione ad una riserva che siano anteriori alla conferma di quest’ultima.
4.  Il ritiro di una riserva o di una obiezione ad una riserva deve essere formulato per iscritto.
Sezione 3 Entrata in vigore dei trattati ed applicazione a titolo provvisorio
1.  Un trattato entra in vigore in base alle modalità ed alla data fissate dalle disposizioni in esso contenute o mediante accordo tra gli Stati che hanno partecipato ai negoziati.
2.  In mancanza di tali disposizioni o di un tale accordo, un trattato entra in vigore quando sia stato accertato il consenso di tutti gli Stati che hanno partecipato ai negoziati ad essere vincolati dal trattato.
3.  Quando il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato sia stato accertato in una data posteriore all’entrata in vigore di detto trattato, esso, a meno che non sia disposto altrimenti, entra in vigore nei confronti di tale Stato in quella stessa data.
4.  Le disposizioni di un trattato che regolamentano l’autenticazione del testo, l’accertamento dei consenso degli Stati ad esserne vincolati, le modalità o la data della sua entrata in vigore, le riserve, le funzioni del depositario, nonché tutti gli altri problemi che vengono necessariamente a porsi prima dell’entrata in vigore del trattato stesso, sono applicabili a partire dalla data dell’adozione del testo.
1.  Un trattato o una parte di esso vengono applicati a titolo provvisorio in attesa della sua effettiva entrata in vigore:
a)
quando il trattato stesso così dispone; o
b)
quando gli Stati che hanno partecipato ai negoziati avevano in qualche altro modo così convenuto.
2.  A meno che il trattato non disponga altrimenti o gli Stati che hanno partecipato ai negoziati non abbiano convenuto altrimenti, l’applicazione a titolo provvisorio di un trattato o di una parte di esso nei confronti di uno Stato viene a cessare qualora tale Stato notifichi agli altri Stati, fra i quali il trattato è applicato provvisoriamente, l’intenzione di non volerne diventare parte.
Parte III Rispetto, applicazione ed interpretazione dei trattati
Sezione 1 Rispetto dei trattati
Ogni trattato in vigore vincola le parti e queste devono eseguirlo in buona fede.
Una parte non può invocare le disposizioni della propria legislazione interna per giustificare la mancata esecuzione di un trattato. Tale norma non pregiudica in alcun modo le disposizioni dell’articolo 46.
Sezione 2 Applicazione dei trattati
Salvo che una diversa intenzione non risulti dal trattato o non sia altrimenti accertata, le disposizioni di un trattato non vincolano una parte per quanto riguarda un atto o un fatto anteriore alla data di entrata in vigore del trattato stesso nei confronti di tale parte o una situazione che avesse cessato di esistere a tale data.
Salvo che un diverso intendimento non risulti dal trattato o non sia stato altrimenti accertato, un trattato vincola ciascuna delle parti per tutto l’insieme del suo territorio.
1.  Fatte salve le disposizioni dell’articolo 103 della Carta delle Nazioni Unite, i diritti e gli obblighi degli Stati parti di trattati successivi vertenti sulla stessa materia, sono definiti conformemente ai paragrafi seguenti.
2.  Quando un trattato precisa di essere subordinato ad un trattato anteriore o posteriore o non debba essere considerato come incompatibile con quest’altro trattato, prevalgono le disposizioni contenute in quest’ultimo.
3.  Quando tutte le parti del trattato anteriore sono dei pari parti del trattato posteriore, senza che il trattato anteriore abbia avuto termine o la sua applicazione sia stata sospesa in base all’articolo 59, il trattato anteriore non si applica che nella misura in cui le sue disposizioni siano compatibili con quelle del trattato posteriore.
4.  Quando le parti di un trattato anteriore non sono tutte parti del trattato posteriore:
a)
nelle relazioni fra gli Stati parti di entrambi i trattati, la norma da applicarsi è quella enunciata al paragrafo 3;
b)
nelle relazioni tra uno Stato parte di entrambi i trattati e uno Stato parte di uno solo dei due, il trattato del quale entrambi gli Stati sono parti regola i reciproci diritti ed obblighi.
5.  Il paragrafo 4 si applica, senza pregiudizio delle disposizioni dell’articolo 41, di ogni problema relativo alla estinzione o alla sospensione dell’applicazione di un trattato ai sensi dell’articolo 60 e di ogni questione di responsabilità che può sorgere per uno Stato dalla conclusione o dall’applicazione di un trattato le cui disposizioni siano incompatibili con gli obblighi che ad esso incombono nei confronti di un altro Stato in base ad un altro trattato.
Sezione 3 Interpretazione dei trattati
1.  Un trattato deve essere interpretato in buona fede in base al senso comune da attribuire ai termini del trattato nel loro contesto ed alla luce dei suo oggetto e del suo scopo.
2.  Ai fini dell’interpretazione di un trattato, il contesto comprende, oltre al testo, preambolo e allegati inclusi:
a)
ogni accordo relativo al trattato e che sia intervenuto tra tutte le parti in occasione della sua conclusione;
b)
ogni strumento disposto da una o più parti in occasione della conclusione del trattato ed accettato dalle altre parti in quanto strumento relativo al trattato.
3.  Verrà tenuto conto, oltre che del contesto:
a)
di ogni accordo ulteriore intervenuto tra le parti circa l’interpretazione del trattato o l’attuazione delle disposizioni in esso contenute;
b)
di ogni ulteriore pratica seguita nell’applicazione del trattato con la quale venga accertato l’accordo delle parti relativamente all’interpretazione del trattato;
c)
di ogni norma pertinente di diritto internazionale, applicabile alle relazioni fra le parti.
4.  Si ritiene che un termine o un’espressione abbiano un significato particolare se verrà accertato che tale era l’intenzione delle parti.
Si potrà ricorrere a mezzi complementari d’interpretazione, ed in particolare ai lavori preparatori ed alle circostanze nelle quali il trattato è stato concluso, allo scopo, sia di confermare il significato risultante dall’applicazione dell’articolo 31, che di definire un significato quando l’interpretazione data in base all’articolo 31:
a)
lasci il significato ambiguo od oscuro; o
b)
porti ad un risultato chiaramente assurdo o non ragionevole.
1.  Quando un trattato è stato autenticato in due o più lingue, il suo testo fa fede in ciascuna di tali lingue, a meno che il trattato non preveda o le parti non convengano fra loro che, in caso di divergenza, prevarrà un determinato testo.
2.  La traduzione di un trattato in una lingua diversa da una di quelle nelle quali il testo è stato autenticato non sarà ritenuta testo autentico qualora il trattato non lo preveda o le parti non abbiano così convenuto.
3.  Si presume che i termini e le espressioni di un trattato abbiano lo stesso senso nei vari testi autentici.
4.  Ad eccezione del caso in cui un determinato testo prevalga in conformità del paragrafo 1, quando il confronto fra i testi autentici renda evidente una differenza di significato che l’applicazione degli articoli 31 e 32 non permette di eliminare, verrà adottato il significato che, tenuto conto dell’oggetto e dello scopo del trattato, concili nel migliore dei modi i testi in questione.
Sezione 4 Trattati e Stati terzi
Un trattato non crea né obblighi né diritti per uno Stato terzo senza il consenso di quest’ultimo.
Da una disposizione di un trattato nasce un obbligo per uno Stato terzo quando le parti del trattato stesso intendano con quelle disposizioni creare tale obbligo e quando lo Stato terzo accetti esplicitamente per iscritto tale obbligo.
1.  Un diritto per uno Stato terzo nasce da una disposizione di un trattato quando le parti di tale trattato intendano, con tale disposizione, conferire tale diritto sia allo Stato terzo sia ad un gruppo di Stati al quale esso appartenga, che a tutti gli Stati, e quando lo Stato terzo acconsente. Si presume che vi sia consenso fintanto che non esista una contraria indicazione, a meno che il trattato non preveda altrimenti.
2.  Uno Stato che eserciti un diritto in base al paragrafo 1, è tenuto a rispettare, per quanto riguarda l’esercizio del diritto stesso, le condizioni che sono previste dal trattato o che sono accertate in base alle disposizioni di questo.
1.  Nel caso in cui sia nato per uno Stato terzo un obbligo in base all’articolo 35, detto obbligo non può essere revocato o modificato che con il consenso delle parti del trattato e dello Stato terzo, a meno che non sia accertato che essi avevano convenuto diversamente.
2.  Nel caso in cui per uno Stato terzo sia nato un diritto in base all’articolo 36, tale diritto non potrà essere revocato o modificato dalle parti se non sarà stato accertato che detto diritto non avrebbe potuto essere revocato o modificato senza il consenso dello Stato terzo.
Nessuna delle disposizioni contenute negli articoli da 34 a 37 vieta che una norma sancita da un trattato diventi obbligatoria per uno Stato terzo in quanto norma consuetudinaria di diritto internazionale riconosciuta come tale.
Parte IV Emendamento e modifica dei trattati
Un trattato può essere emendato di comune intesa fra le parti. Per quanto il trattato non disponga altrimenti, vengono applicate a tale accordo le norme enunciate nella parte II.
1.  A meno che il trattato non disponga altrimenti, l’emendamento dei trattati multilaterali è regolato dai paragrafi seguenti.
2.  Ogni proposta tendente ad emendare un trattato multilaterale per quanto riguarda i rapporti fra tutte le sue parti, deve essere notificata a tutti gli Stati contraenti, e ciascuno di essi ha il diritto di prendere parte:
a)
alla decisione circa il seguito da dare a tale proposta;
b)
ai negoziati ed alla conclusione di ogni accordo avente lo scopo di emendare il trattato stesso.
3.  Ogni Stato qualificato a divenire parte di un trattato è del pari qualificato per divenire parte del trattato emendato.
4.  L’accordo che reca emendamenti non vincola gli Stati che sono già parti del trattato e che non divengono parti di detto accordo; nei confronti di tali Stati si applica il comma b) dei paragrafo 4 dell’articolo 30.
5.  Ogni Stato che divenga parte del trattato dopo l’entrata in vigore dell’accordo che reca emendamenti, a meno che non abbia espresso una diversa intenzione, viene considerato come:
a)
facente parte del trattato così emendato; e
b)
facente parte del trattato non emendato nei confronti di ogni parte del trattato che non sia vincolata dall’accordo che reca gli emendamenti.
1.  Due o più parti di un trattato multilaterale possono concludere un accordo avente lo scopo di modificare il trattato soltanto nei loro reciproci rapporti:
a)
se la possibilità di una tale modifica è prevista dal trattato; o
b)
se la modifica in questione non è vietata dal trattato, a condizione che essa:
i)
non pregiudichi in alcun modo per le altre parti il godimento dei diritti derivanti dal trattato né l’adempimento dei loro obblighi; e
ii)
non verta su di una disposizione dalla quale non si possa derogare senza che vi sia una incompatibilità con effettiva realizzazione dell’oggetto e dello scopo dei trattato.
2.  A meno che, nel caso previsto dal comma a) del paragrafo 1, il trattato non preveda altrimenti, le parti in questione devono notificare alle altre parti la loro intenzione di concludere l’accordo e le modifiche che quest’ultimo reca al trattato.
Parte V Nullità, estinzione e sospensione dell’applicazione dei trattati
Sezione 1 Disposizioni generali
1.  La validità di un trattato o del consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato non può essere contestata che in applicazione della presente convenzione.
2.  L’estinzione di un trattato, la sua denuncia o il ritiro di una parte non possono aver luogo che in applicazione delle disposizioni del trattato o della presente convenzione. La stessa regola vale per la sospensione dell’applicazione di un trattato.
La nullità, l’estinzione o la denuncia di un trattato, il ritiro di una delle parti o la sospensione dell’applicazione del trattato, quando siano dovute all’applicazione della presente convenzione od alle disposizioni del trattato, non pregiudicano in alcun modo il dovere di uno Stato di adempiere ogni obbligo che sia enunciato nel trattato, al quale sia soggetto in base al diritto internazionale indipendentemente dal trattato stesso.
1.  Il diritto di una parte, previsto nel trattato o derivante dall’articolo 56, di denunciare il trattato, di ritirarsi da esso o di sospenderne l’applicazione, non può essere esercitato che nei confronti del trattato stesso nel suo insieme, a meno che quest’ultimo non disponga o le parti non convengano altrimenti.
2.  Un motivo di nullità o di estinzione di un trattato, o di ritiro di una delle parti o di sospensione dell’applicazione del trattato, riconosciuto ai sensi della presente convenzione, non può essere invocato che nei confronti del trattato nel suo insieme, fatte salve le condizioni previste dai paragrafi seguenti o dall’articolo 60.
3.  Se il motivo in questione si riferisce soltanto ad alcune clausole particolari, esso può essere invocato nei confronti di quelle sole clausole quando:1
a)
tali clausole si possano scindere dal resto del trattato per quanto attiene alla loro esecuzione;
b)
risulti dal trattato o sia altrimenti accertato che l’accettazione delle suddette clausole non abbia costituito per l’altra parte o per le altre parti del trattato una base essenziale del loro consenso ad essere vincolate dal trattato nel suo insieme; e2
c)
non sia ingiusto continuare ad eseguire quanto rimane del trattato.
4.  Nei casi dipendenti dagli articoli 49 e 50, lo Stato che abbia diritto ad invocare il dolo o la corruzione, può farlo sia nei confronti dell’insieme del trattato che, nel caso di cui al paragrafo 3, soltanto nei confronti di alcune clausole particolari.
5.  Nei casi previsti dagli articoli 51, 52 e 53, non è ammessa scissione delle disposizioni di un trattato.

Uno Stato non può più invocare una causa di nullità di un trattato o un motivo per porre termine ad esso, di ritirarsi dal trattato o di sospenderne l’applicazione in base agli articoli da 46 a 50 od agli articoli 60 e 62 se, dopo essere venuto a conoscenza dei fatti, tale Stato:
a)
abbia esplicitamente accettato di considerare che, a seconda del caso, il trattato sia o valido, o in vigore, od ancora applicabile; o
b)
debba, a motivo della propria condotta, essere considerato come avente accettato, a seconda del caso, la validità del trattato o il suo mantenimento in vigore o in applicazione.
Sezione 2 Nullità dei trattati
1.  Il fatto che il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato sia stato espresso violando una disposizione del suo diritto interno concernente la competenza a concludere trattati, non può essere invocato da tale Stato per infirmare il proprio consenso, a meno che tale violazione non sia stata manifesta e non concerna una norma di importanza fondamentale del proprio diritto interno.
2.  Una violazione è manifesta quando essa appaia obiettivamente evidente ad ogni Stato che si comporti, in materia, in base alla normale prassi ed in buona fede.
Se il potere di un rappresentante di esprimere il consenso di uno Stato ad essere vincolato da un determinato trattato è stato oggetto di particolari restrizioni, il fatto che detto rappresentante non ne abbia tenuto conto non può essere invocato come suscettibile di viziare il consenso da lui espresso, a meno che la restrizione non sia stata notificata, prima che tale consenso venisse espresso, agli altri Stati che hanno partecipato al negoziato.
l.  Uno Stato può invocare un errore in un trattato come suscettibile di viziare il proprio consenso ad essere vincolato dal trattato stesso quando l’errore verte su di un fatto o su di una situazione che tale Stato supponeva esistesse al momento della conclusione del trattato e che costituiva base essenziale per il consenso di detto Stato ad essere vincolato dal trattato.
2.  Il paragrafo 1 non si applica quando detto Stato abbia contribuito con la sua condotta a tale errore o quando le circostanze siano state tali che esso avrebbe dovuto essere a conoscenza della possibilità di un errore.
3.  Un errore che riguardi soltanto il modo in cui il testo di un trattato è redatto non ne pregiudica la validità; in tal caso viene applicato l’articolo 79.
Ove uno Stato sia stato spinto a concludere un trattato dalla condotta fraudolenta di un altro Stato che ha partecipato ai negoziati, esso può invocare il dolo come suscettibile di viziare il proprio consenso ad essere vincolato dal trattato.
Ove l’espressione dei consenso di uno Stato ad essere vincolato da un trattato sia stata ottenuta mediante la corruzione del suo rappresentante con azione diretta o indiretta di un altro Stato che ha partecipato ai negoziati, lo Stato può invocare detta corruzione come suscettibile di viziare il proprio consenso ad essere vincolato dal trattato.
Il consenso espresso da uno Stato ad essere vincolato da un trattato che sia ottenuto con la violenza esercitata sul suo rappresentante a mezzo di atti o minacce contro di lui dirette, è privo di ogni effetto giuridico.
Qualsiasi trattato la cui conclusione sia stata ottenuta con le minacce o con l’uso della forza in violazione dei principi di diritto internazionale incorporati nella Carta delle Nazioni Unite sarà ritenuto nullo.
È nullo qualsiasi trattato che, al momento della sua conclusione, sia in contrasto con una norma imperativa di diritto internazionale generale. Ai fini della presente convenzione, per norma imperativa di diritto internazionale generale si intende una norma che sia stata accettata e riconosciuta dalla Comunità internazionale degli Stati nel suo insieme in quanto norma alla quale non è permessa alcuna deroga e che non può essere modificata che da una nuova norma di diritto internazionale generale avente lo stesso carattere.
Sezione 3 Estinzione dei trattati e sospensione della loro applicazione
L’estinzione di un trattato o il ritiro di una parte possono avere luogo:
a)
in base alle disposizioni del trattato; o
b)
in ogni momento, con il consenso di tutte le parti, previa consultazione degli altri Stati contraenti.
A meno che il trattato non disponga altrimenti, ad un trattato multilaterale non si pone termine per il solo motivo che il numero delle parti è inferiore al numero necessario per la sua entrata in vigore.
1.  Un trattato che non contenga disposizioni relative alla sua estinzione e che non preveda la possibilità di un ritiro o di una denuncia non può essere oggetto di denuncia o di ritiro, a meno che:
a)
non sia accertato che era nell’intenzione delle parti di accettare la possibilità di una denuncia o di un ritiro; o
b)
il diritto alla denuncia o al ritiro non possa essere dedotto dalla natura del trattato.
2.  Una parte deve notificare con almeno dodici mesi di anticipo la propria intenzione di denunciare un trattato o di ritirarsi da esso in base alle disposizioni del paragrafo 1.
L’applicazione di un trattato nei confronti di tutte le parti o di una determinata parte può essere sospesa:
a)
conformemente alle disposizioni del trattato; o
b)
in ogni momento, con il consenso di tutte le parti, previa consultazione degli altri Stati contraenti.
1.  Due o più parti di un trattato multilaterale possono concludere un accordo che abbia lo scopo di sospendere l’applicazione delle disposizioni del trattato temporaneamente e soltanto tra di loro:
a)
qualora la possibilità di una tale sospensione sia prevista dal trattato; o
b)
qualora la sospensione in questione non sia vietata dal trattato, a condizione che essa:
i)
non rechi pregiudizio né al godimento dei diritti previsti dal trattato per altre parti né all’adempimento dei loro obblighi; e
ii)
non sia incompatibile con l’oggetto e lo scopo del trattato.
2.  Ove, nel caso previsto al comma a) del paragrafo 1, il trattato non disponga altrimenti, le parti in questione dovranno notificare alle altre parti la loro intenzione di concludere l’accordo e le disposizioni del trattato delle quali intendono sospendere l’applicazione.
1.  Si ritiene che un trattato abbia avuto termine qualora tutte le parti del trattato abbiano concluso successivamente un trattato sullo stesso argomento e:
a)
se risulta dal trattato successivo od è in altro modo accertato che era intenzione delle parti di regolare la materia in questione con tale trattato; o
b)
se le disposizioni del trattato successivo sono incompatibili con quelle dei trattato precedente in modo tale che non sia possibile applicare due trattati contemporaneamente.
2.  Il trattato precedente viene considerato semplicemente sospeso quando risulti dal trattato successivo o sia in altro modo accertato che questa era l’intenzione delle parti.
1.  Una sostanziale violazione di un trattato bilaterale da parte di una delle parti autorizza l’altra parte a invocare la violazione come motivo per porre termine al trattato o sospenderne completamente o parzialmente l’applicazione.
2.  Una sostanziale violazione di un trattato multilaterale da parte di una delle parti autorizza:
a)
le altre parti, che agiscono di comune accordo, a sospenderne completamente o parzialmente l’applicazione o a porvi termine:
b)
una parte particolarmente danneggiata dalla violazione, ad invocare detta violazione come motivo di sospensione dell’applicazione completa o parziale del trattato nelle relazioni fra di essa e lo Stato autore della violazione;
c)
qualsiasi parte diversa dallo Stato autore della violazione, ad invocare la violazione come motivo per sospendere l’applicazione dei trattato completamente o parzialmente per quanto la riguarda, se detto trattato è di natura tale che una violazione sostanziale delle disposizioni compiuta da una parte modifichi radicalmente la situazione di ciascuna delle parti relativamente al successivo adempimento dei propri obblighi in base al trattato.
i)
sia nelle relazioni fra di loro e lo Stato autore della violazione;
ii)
che fra tutte le parti;
3.  Ai fini dei presente articolo, per violazione sostanziale di un trattato si intende:
a)
un rifiuto del trattato che non sia autorizzato dalla presente convenzione; o
b)
la violazione di una disposizione essenziale per la realizzazione dell’oggetto o dello scopo del trattato.
4.  I paragrafi precedenti non pregiudicano nessuna delle disposizioni del trattato che si possa applicare in caso di violazione.
5.  I paragrafi da 1 a 3 non si applicano alle disposizioni riguardanti la protezione della persona umana che sono contenute nei trattati di carattere umanitario ed in particolare non si applicano alle disposizioni che escludono ogni forma di rappresaglia esercitata nei confronti di persone che sono protette dai summenzionati trattati.
l.  Una parte può invocare l’impossibilità di dare esecuzione ad un trattato come motivo per porvi fine o per ritirarsene qualora tale impossibilità risulti dalla sparizione o dalla definitiva distruzione di un oggetto indispensabile all’esecuzione del trattato in questione. Quando l’impossibilità è temporanea essa può essere invocata soltanto come motivo per sospendere l’applicazione del trattato.
2.  L’impossibilità di dare esecuzione ad un trattato non può essere invocata da una parte come motivo per porre fine al trattato, per ritirarsene o per sospenderne l’applicazione se tale impossibilità deriva da una violazione commessa dalla parte che la invoca, sia di un obbligo dei trattato che di ogni altro obbligo internazionale nei confronti di ogni altra parte del trattato stesso.
1.  Un fondamentale mutamento di circostanze che si sia prodotto in relazione a quelle che esistevano al momento della conclusione di un trattato e che non era stato previsto dalle parti, non può essere invocato come motivo per porre termine al trattato o per ritirarsi da esso, a meno che:
a)
l’esistenza di tali circostanze non abbia costituito una base essenziale per il consenso delle parti ad essere vincolate dal trattato; e che
b)
tale cambiamento non abbia l’effetto di trasformare radicalmente il peso degli obblighi che restano da eseguire in base al trattato.
2.  Un fondamentale mutamento di circostanze non può essere invocato come motivo per porre termine ad un trattato o per ritirarsi da questo:
a)
quando si tratti di un trattato che fissa una frontiera; o
b)
quando il fondamentale mutamento derivi da una violazione, da parte della parte che la invoca, o di un obbligo del trattato o di qualsiasi altro obbligo internazionale nei confronti di qualunque altro Stato che sia parte del trattato.
3.  Se una parte può, in base ai paragrafi precedenti, invocare un fondamentale mutamento delle circostanze quale motivo per porre termine ad un trattato o per ritirarsi da questo, essa può anche invocarla soltanto per sospendere l’applicazione del trattato.
La rottura delle relazioni diplomatiche o consolari fra le parti di un trattato non influenza i rapporti giuridici stabiliti tra di esse in base al trattato, se non nella misura in cui l’esistenza di relazioni diplomatiche o consolari è indispensabile all’applicazione del trattato.
Qualora sopravvenga una nuova norma imperativa di diritto internazionale generale, qualsiasi trattato esistente che contrasti tale norma diventa nullo ed ha termine.
Sezione 4 Procedura
1.  La parte che, in base alle disposizioni della presente convenzione invochi sia un vizio del proprio consenso ad essere vincolata da un trattato, che un motivo per contestare la validità di un trattato, di porvi termine, di ritirarsi da questo o di sospenderne l’applicazione, deve notificare la propria pretesa alle altre parti. La notifica deve indicare il provvedimento previsto nei confronti del trattato e le ragioni che l’hanno determinato.
2.  Se, dopo un periodo di tempo che, salvo il caso di particolare urgenza non deve essere inferiore a tre mesi dal ricevimento della notifica, nessuna parte ha sollevato obiezioni, la parte che ha fatto la notifica può adottare nelle forme previste dall’articolo 67 il provvedimento che ha deciso di adottare.
3.  Qualora tuttavia un’altra parte avesse sollevato obiezione, le parti dovranno cercare una soluzione facendo uso dei mezzi indicati nell’articolo 33 della Carta delle Nazioni Unite.
4.  Nulla di quanto contenuto nei precedenti paragrafi è suscettibile di ledere i diritti o gli obblighi delle parti che derivino da qualsiasi disposizione in vigore tra di loro circa la composizione delle controversie.
5.  Fatte salve le disposizioni dell’articolo 45, il fatto che uno Stato non abbia inviato la notifica prescritta dal paragrafo 1 non impedisce di redigere detta notifica in risposta ad un’altra parte che chieda l’esecuzione del trattato o che ne adduca la violazione.
Se, nei dodici mesi successivi alla data in cui è stata sollevata l’obiezione, non sarà stato possibile giungere ad una soluzione in base al paragrafo 3 dell’articolo 65, verranno applicate le seguenti procedure:
a)
ogni parte di una controversia che riguardi l’applicazione o l’interpretazione degli articoli 53 o 64 può, qualora ne faccia richiesta, sottoporre la controversia alla decisione della Corte internazionale di giustizia, a meno che le parti non decidano di comune accordo di sottoporre la controversia ad arbitrato;
b)
ogni parte di una controversia relativa all’applicazione o all’interpretazione di uno qualsiasi degli altri articoli della parte V della presente convenzione, può porre in atto la procedura indicata nell’allegato della convenzione inviando, a tale scopo, una richiesta al Segretario generale delle Nazioni Unite.
1.  La notifica prevista al paragrafo 1 dell’articolo 65 deve essere fatta per iscritto.
2.  Qualsiasi atto che dichiari la nullità di un trattato, vi ponga termine o attui il ritiro o la sospensione dell’applicazione di un trattato in base alle disposizioni in esso contenute o in base alle disposizioni dei paragrafi 2 e 3 dell’articolo 65, deve essere redatto in uno strumento comunicato alle altre parti. Se lo strumento non è firmato dal Capo dello Stato, dal Capo del Governo o dal Ministro degli affari esteri, il rappresentante dello Stato che fa la comunicazione può essere invitato ad esibire i suoi pieni poteri.
Le notifiche o gli strumenti previsti negli articoli 65 e 67 possono essere revocati in qualsiasi momento, prima che abbiano avuto effetto.
Sezione 5 Conseguenze della nullità dell’estinzione o della sospensione dell’applicazione di un trattato
1.  Un trattato la cui nullità sia stata accertata in base alla presente convenzione è nullo. Le disposizioni di un trattato nullo non hanno valore giuridico.
2.  Qualora, tuttavia, degli atti siano stati compiuti in base ad un tale trattato:
a)
qualsiasi parte può chiedere ad ogni altra parte di accertare, per quanto possibile, la situazione che sarebbe esistita nelle loro reciproche relazioni se tali atti non fossero stati compiuti;
b)
gli atti compiuti in buona fede prima che venisse invocata la nullità non sono resi illeciti per il solo fatto della nullità del trattato.
3.  Nei casi di cui agli articoli 49 e 50, 51 o 52, il paragrafo 2 non si applica nei confronti della parte cui è imputabile il dolo, l’atto di corruzione o la violenza.
4.  Nei casi in cui il consenso di un particolare Stato ad essere vincolato da un trattato multilaterale sia infirmato, le norme precedenti si applicano nelle relazioni fra il detto Stato e le parti dei trattato.
1.  A meno che il trattato non disponga altrimenti o le parti non convengano altrimenti, la cessazione di un trattato in base alle disposizioni in esso contenute o in base alla presente convenzione:
a)
libera le parti dall’obbligo di continuare a dare esecuzione al trattato;
b)
non pregiudica alcun diritto, alcun obbligo né alcuna situazione giuridica delle parti che sia venuta a crearsi a motivo dell’esecuzione del trattato prima della sua cessazione.
2.  Quando uno Stato denuncia un trattato multilaterale o si ritira da esso, il paragrafo 1 viene applicato nei rapporti fra Stato e ciascuna delle altre parti del trattato a partire dalla data in cui detta denuncia o ritiro entrano in vigore.
l.  Nel caso di un trattato che sia nullo in base all’articolo 53, le parti sono tenute:
a)
ad eliminare, per quanto possibile, le conseguenze di ogni atto compiuto in base ad una disposizione che sia in contrasto con la norma imperativa di diritto internazionale generale; e
b)
a fare in modo tale che le loro relazioni reciproche siano conformi alla norma cogente del diritto internazionale generale.
2.  Nel caso di un trattato che diventi nullo ed abbia termine in base all’articolo 64, la cessazione della validità di un trattato:
a)
libera le parti dall’obbligo di continuare a dare esecuzione al trattato;
b)
non pregiudica alcun diritto, obbligo o situazione giuridica delle parti che si siano venuti a creare a motivo dell’esecuzione del trattato prima della cessazione della sua validità; tuttavia, detti diritti, obblighi o situazioni non possono essere conservati in seguito che nella misura in cui la loro conservazione non sia in contrasto con la nuova norma imperativa di diritto internazionale generale.
1.  A meno che il trattato non preveda altrimenti o le parti non convengano altrimenti, la sospensione dell’applicazione di un trattato in base alle proprie disposizioni o in conformità della presente convenzione:
a)
libera le parti fra le quali è sospesa l’applicazione dei trattato dall’obbligo di darvi esecuzione nei loro reciproci rapporti durante il periodo di sospensione;
b)
non pregiudica altrimenti i rapporti giuridici stabiliti dal trattato fra le parti.
2.  Durante il periodo di sospensione, le parti devono astenersi da qualsiasi azione che tenda ad ostacolare la ripresa dell’applicazione del trattato.
Parte VI Disposizioni varie
Le disposizioni della presente convenzione non pregiudicano nessuna delle questioni che potrebbero sorgere per il trattato da una successione di Stati o dalla responsabilità internazionale di uno Stato o dall’apertura delle ostilità tra Stati.
La rottura delle relazioni diplomatiche o consolari o l’assenza di tali relazioni fra due o più Stati non impediscono la conclusione di trattati fra i detti Stati. La conclusione di un trattato non influenza di per sé stessa le relazioni diplomatiche o consolari.
Le disposizioni della presente convenzione non pregiudicano in alcun modo gli obblighi relativi ad un trattato che potrebbero nascere per uno Stato aggressore in seguito alle misure adottate in conformità della Carta delle Nazioni Unite riguardo all’aggressione compiuta da tale Stato.
Parte VII Depositari, notifiche, correzioni e registrazione
1.  La designazione del depositario di un trattato può essere fatta dagli Stati che hanno preso parte ai negoziati, sia nel trattato stesso, che in qualsiasi altro modo. Il depositario può essere uno o diversi Stati, un’organizzazione internazionale o il funzionario amministrativo più elevato in grado dell’organizzazione stessa.
2.  Le funzioni del depositario di un trattato hanno carattere internazionale ed il depositario deve essere imparziale nell’esercizio delle sue funzioni. In particolare, il fatto che un trattato non sia entrato in vigore tra alcune delle parti o che vi sia stata divergenza tra uno Stato ed il depositario circa l’esercizio delle funzioni di quest’ultimo non deve influire su tale obbligo.
1.  Le funzioni di un depositario, a meno che il trattato non disponga altrimenti o non sia altrimenti convenuto dagli Stati, sono le seguenti:
a)
assicurare la custodia del testo originale dei trattato e dei pieni poteri che gli verranno consegnati;
b)
preparare delle copie certificate conformi al testo originale e tutti gli altri testi in altre lingue che possono essere richiesti nel trattato, e comunicarli alle parti del trattato ed agli Stati che possono diventare parti del trattato;
c)
ricevere tutte le firme apposte al trattato, ricevere e custodire tutti gli strumenti, notifiche e comunicazioni relative al trattato;
d)
verificare se tutte le firme, tutti gli strumenti, tutte le notifiche o tutte le comunicazioni relative al trattato sono in buona e debita forma e, ove occorra, sottoporre la questione all’attenzione dello Stato interessato;
e)
informare le parti e gli Stati qualificati a diventare parti del trattato degli atti, delle notifiche e delle comunicazioni relative al trattato;
f)
informare gli Stati qualificati a diventare parti del trattato della data in cui sia stato ricevuto o depositato il numero delle firme o degli strumenti di ratifica, di accettazione, di approvazione o di adesione richiesti per l’entrata in vigore del trattato;
g)
provvedere alla registrazione del trattato presso il Segretariato dell’Organizzazione delle Nazioni Unite;
h)
adempiere le funzioni specificate nelle altre disposizioni della presente convenzione.
2.  Nel caso in cui una controversia abbia a sorgere tra uno Stato ed il depositario circa l’adempimento delle funzioni di quest’ultimo, il depositario deve sottoporre la questione all’attenzione degli Stati firmatari e degli Stati contraenti o, se del caso, all’attenzione dell’organo competente dell’organizzazione internazionale in questione.
Salvo nel caso in cui il trattato o la presente convenzione dispongano altrimenti, una notifica o una comunicazione che deve essere fatta da uno Stato in base alla presente convenzione:
a)
viene trasmessa, ove non esista il depositario, direttamente agli Stati ai quali è destinata o, se esiste un depositario, a quest’ultimo;
b)
non si ritiene che sia stata fatta dallo Stato in questione che a partire dal momento del suo ricevimento da parte dello Stato al quale è stata trasmessa o, se del caso, da parte del depositario;
c)
se viene trasmessa ad un depositario, non viene considerata come ricevuta dallo Stato al quale è destinata che a partire dal momento in cui tale Stato avrà ricevuto dal depositario l’informazione prevista al comma e) del paragrafo 1 dell’articolo 77.
1.  Se, dopo l’autenticazione del testo di un trattato, gli Stati firmatari e gli Stati contraenti constatano di comune accordo che tale testo contiene un errore, si procede alla correzione dell’errore in questione in uno dei modi seguenti, a meno che i predetti Stati non decidano di correggerlo altrimenti:
a)
correzione del testo nel senso dovuto e parafatura della correzione da parte di rappresentanti debitamente autorizzati;
b)
stesura di uno strumento o scambio di strumenti ove sia registrata la correzione che si è convenuto di apportare al testo;
c)
stesura di un testo corretto dell’intero trattato seguendo la stessa procedura usata per il testo originario.
2.  Quando si tratti di un trattato per il quale esiste un depositario, quest’ultimo notifica agli Stati firmatari ed agli Stati contraenti l’errore e la proposta relativa alla correzione dell’errore stesso e fissa un periodo di tempo convenuto entro il quale possano essere sollevate obiezioni alla correzione proposta. Se, allo spirare di detto periodo:
a)
non è stata sollevata alcuna obiezione, il depositario apporta la correzione al testo e la parafa, redige un processo verbale di rettifica del testo e ne trasmette copia alle parti e agli Stati qualificati a divenire parti del trattato;
b)
un’obiezione è stata sollevata, il depositario la comunica agli Stati firmatari e agli Stati contraenti.
3.  Le norme di cui ai paragrafi 1 e 2 si applicano del pari quando un testo sia stato autenticato in due o più lingue ed esista una discordanza che gli Stati firmatari e gli Stati contraenti convengano debba essere corretta.
4.  Il testo corretto sostituisce, ab initio, il testo errato, a meno che gli Stati firmatari e gli Stati contraenti non decidano altrimenti.
5.  La correzione del testo di un trattato che sia stato registrato viene notificata al Segretariato dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.
6.  Quando venga rilevato un errore in una copia certificata conforme di un trattato, il depositario redige un processo verbale di rettifica e ne trasmette copia agli stati firmatari e agli Stati firmatari.
1.  Dopo la loro entrata in vigore, i trattati vengono trasmessi al Segretariato dell’Organizzazione delle Nazioni Unite perché siano, a seconda dei casi, registrati, classificati o iscritti al repertorio, nonché pubblicati.
2.  La designazione di un depositario autorizza quest’ultimo a compiere gli atti di cui al paragrafo precedente.
Parte VIII Disposizioni finali
La presente convenzione sarà aperta alla firma di tutti gli Stati membri dell’Organizzazione delle Nazioni Unite o di un istituto specializzato o dell’Agenzia internazionale dell’energia atomica, nonché di tutti gli Stati parti dello Statuto della Corte internazionale di giustizia e di ogni altro Stato che sia invitato dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite a diventare parte della convenzione, nel modo seguente: sino al 30 novembre 1969 presso il Ministero federale degli affari esteri della Repubblica di Austria ed in seguito sino al 30 aprile 1970 presso la Sede dell’Organizzazione delle Nazioni Unite a New York.
La presente convenzione sarà sottoposta a ratifica. Gli strumenti di ratifica saranno depositati presso il Segretario generale delle Nazioni Unite.
La presente convenzione resterà aperta all’adesione di ogni Stato appartenente ad una delle categorie di cui all’articolo 81. Gli strumenti di adesione saranno depositati presso il Segretario generale delle Nazioni Unite.
1.  La presente convenzione entrerà in vigore trenta giorni dopo la data del deposito del trentacinquesimo strumento di ratifica o di adesione.
2.  Per ogni Stato che ratificherà la convenzione o vi aderirà dopo il deposito del trentacinquesimo strumento di ratifica o di adesione, la convenzione entrerà in vigore trenta giorni dopo il deposito, da parte di detto Stato, del proprio strumento di ratifica o di adesione.
L’originale della presente convenzione, i cui testi inglese, cinese, spagnolo, francese e russo sono ugualmente autentici, sarà depositata presso il Segretario generale delle Nazioni Unite.
In fede di che, i sottoscritti plenipotenziari, debitamente autorizzati dai rispettivi Governi, hanno firmato la presente convenzione.
Fatto a Vienna, il ventitré maggio millenovecentosessantanove.
(Seguono le firme)

Allegato
1.  Il Segretario generale delle Nazioni Unite redige e conserva una lista di conciliatori composta da giuristi qualificati. A tale scopo, ogni Stato, membro dell’Organizzazione delle Nazioni Unite o parte della presente convenzione è invitato a designare due conciliatori, e i nomi delle persone in tal modo designate formeranno la lista. La designazione dei conciliatori, compresi coloro che sono designati per coprire un posto vacante, viene fatta per un periodo di cinque anni che potrà essere rinnovato. Allo spirare del periodo per il quale saranno stati designati, i conciliatori continueranno ad esercitare le funzioni per le quali saranno stati scelti in base al paragrafo seguente.
2.  Quando viene sottoposta una richiesta al Segretario generale, in base all’articolo 66, il Segretario generale sottopone la controversia ad una Commissione di conciliazione composta come segue:
Lo Stato o gli Stati costituenti una delle parti della controversia nominano:
a)
un conciliatore cittadino di tale Stato o di uno di tali Stati, scelto o meno sulla lista di cui al paragrafo l; e
b)
un conciliatore che non abbia la nazionalità di tale Stato o di uno di tali Stati, scelto sulla lista.
Lo Stato o gli Stati costituenti l’altra parte della controversia nominano due conciliatori nello stesso modo. I quattro conciliatori scelti dalle parti devono essere nominati entro un termine di sessanta giorni a partire dalla data in cui il Segretario generale ha ricevuto la richiesta.
Nei sessanta giorni che seguono l’ultima nomina, i quattro conciliatori ne nominano un quinto, scelto sulla lista, che sarà il presidente.
Se la nomina del presidente o di uno qualsiasi degli altri conciliatori non avviene nel termine prescritto in precedenza per detta nomina, questa verrà fatta dal Segretario generale nei sessanta giorni successivi allo spirare di tale termine. Il Segretario generale può designare come presidente, sia una delle persone menzionate nella lista, che uno dei membri della Commissione di diritto internazionale. Qualsiasi periodo di tempo entro il quale debbono essere fatte le nomine, può essere prorogato con l’accordo delle parti della controversia.
Ogni posto vacante sarà coperto nello stesso modo che è prescritto per la prima nomina.
3.  La Commissione di conciliazione determina essa stessa la propria procedura. La Commissione, con il consenso delle parti della controversia, può invitare ogni parte del trattato a sottoporle la sua opinione oralmente o per iscritto. Le decisioni e le raccomandazioni della Commissione vengono adottate a maggioranza dei voti dei cinque membri.
4.  La Commissione può sottoporre alle parti della controversia qualsiasi provvedimento che sia suscettibile di facilitare una composizione amichevole della controversia in questione.
5.  La Commissione ascolta le parti, esamina le richieste e le obiezioni e rivolge delle proposte alle parti allo scopo di aiutarle a giungere ad una composizione amichevole della controversia.
6.  La Commissione redige un rapporto entro i dodici mesi successivi alla sua costituzione. Detto rapporto viene depositato presso il Segretario generale e comunicato alle parti della controversia. Il rapporto della Commissione, ivi inclusa ogni conclusione contenuta in esso riguardante i fatti o i problemi legali, non è vincolante per le parti e non avrà altro carattere che quello di raccomandazioni sottoposte allo studio delle parti allo scopo di facilitare una amichevole composizione della controversia.
7.  Il Segretario generale fornisce alla Commissione l’assistenza e le facilitazioni di cui possa aver bisogno. Le spese della Commissione sono a carico dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.
Campo d’applicazione il 15 giugno 20121
Stati partecipanti
Ratifica Adesione (A) Dichiarazione di successione (S)
Entrata in vigore
Albania
27 giugno
2001 A
27 luglio
2001
Algeria* **
  8 novembre
1988 A
  8 dicembre
1988
Andorra
  5 aprile
2004 A
  5 maggio
2004
Arabia Saudita*
14 aprile
2003 A
14 maggio
2003
Argentina*
  5 dicembre
1972
27 gennaio
1980
Armenia*
17 maggio
2005 A
16 giugno
2005
Australia
13 giugno
1974 A
27 gennaio
1980
Austria**
30 aprile
1979 A
27 gennaio
1980
Barbados
24 giugno
1971
27 gennaio
1980
Belarus*
  1° maggio
1986 A
31 maggio
1986
Belgio*
1° settembre
1992 A
1° ottobre
1992
Bosnia e Erzegovina
  1° settembre
1993 S
  6 marzo
1992
Brasile*
25 settembre
2009
25 ottobre
2009
Bulgaria
21 aprile
1987 A
21 maggio
1987
Burkina Faso
25 maggio
2006 A
24 giugno
2006
Camerun
23 ottobre
1991 A
22 novembre
1991
Canada* **
14 ottobre
1970 A
27 gennaio
1980
Ceca, Repubblica
22 febbraio
1993 S
  1° gennaio
1993
Cile* **
  9 aprile
1981
  9 maggio
1981
Cina*
  3 settembre
1997 A
  3 ottobre
1997
Cipro
28 dicembre
1976 A
27 gennaio
1980
Colombia*
10 aprile
1985
10 maggio
1985
Congo (Brazzaville)
12 aprile
1982
12 maggio
1982
Congo (Kinshasa)
25 luglio
1977 A
27 gennaio
1980
Corea (Sud)
27 aprile
1977
27 gennaio
1980
Costa Rica*
22 novembre
1996
22 dicembre
1996
Croazia
12 ottobre
1992 S
  8 ottobre
1991
Cuba*
  9 settembre
1998 A
  9 ottobre
1998
Danimarca* **
1° giugno
1976
27 gennaio
1980
Dominicana, Repubblica
  1° aprile
2010 A
  1° maggio
2010
Ecuador*
11 febbraio
2005
13 marzo
2005
Egitto**
11 febbraio
1982 A
13 marzo
1982
Estonia
21 ottobre
1991 A
20 novembre
1991
Filippine
15 novembre
1972
27 gennaio
1980
Finlandia* **
19 agosto
1977
27 gennaio
1980
Gabon
  5 novembre
2004 A
  5 dicembre
2004
Georgia
  8 giugno
1995 A
  8 luglio
1995
Germania* **
21 luglio
1987
20 agosto
1987
Giamaica
28 luglio
1970
27 gennaio
1980
Giappone**
  2 luglio
1981 A
  1° agosto
1981
Grecia
30 ottobre
1974 A
27 gennaio
1980
Guatemala*
21 luglio
1997
20 agosto
1997
Guinea
16 settembre
2005 A
16 ottobre
2005
Guyana
15 settembre
2005
15 ottobre
2005
Haiti
25 agosto
1980 A
24 settembre
1980
Honduras
20 settembre
1979
27 gennaio
1980
Irlanda
  7 agosto
2006 A
  6 settembre
2006
Italia
25 luglio
1974
27 gennaio
1980
Kazakstan
  5 gennaio
1994 A
  4 febbraio
1994
Kirghizistan
11 maggio
1999 A
10 giugno
1999
Kiribati
15 settembre
2005 A
15 ottobre
2005
Kuwait
11 novembre
1975 A
27 gennaio
1980
Laos
31 marzo
1998 A
30 aprile
1998
Lesotho
  3 marzo
1972 A
27 gennaio
1980
Lettonia
  4 maggio
1993 A
  3 giugno
1993
Liberia
29 agosto
1985
28 settembre
1985
Libia
22 dicembre
2008 A
21 gennaio
2009
Liechtenstein
  8 febbraio
1990 A
10 marzo
1990
Lituania
15 gennaio
1992 A
14 febbraio
1992
Lussemburgo
25 maggio
2003
22 giugno
2003
Macedonia
  8 luglio
1999 S
17 novembre
1991
Malawi
23 agosto
1983 A
22 settembre
1983
Malaysia
27 luglio
1994 A
26 agosto
1994
Maldive
14 settembre
2005 A
14 ottobre
2005
Mali
31 agosto
1998 A
30 settembre
1998
Marocco*
26 settembre
1972
27 gennaio
1980
Maurizio
18 gennaio
1973 A
27 gennaio
1980
Messico
25 settembre
1974
27 gennaio
1980
Moldova
26 gennaio
1993 A
25 febbraio
1993
Mongolia*
16 maggio
1988 A
15 giugno
1988
Montenegro
23 ottobre
2006 S
  3 giugno
2006
Mozambico
  8 maggio
2001 A
  7 giugno
2001
Myanmar
16 settembre
1998 A
16 ottobre
1998
Nauru
  5 maggio
1978 A
27 gennaio
1980
Niger
27 ottobre
1971 A
27 gennaio
1980
Nigeria
31 luglio
1969
27 gennaio
1980
Nuova Zelanda**
  4 agosto
1971
27 gennaio
1980
Oman*
18 ottobre
1990 A
17 novembre
1990
Paesi Bassi* **
  9 aprile
1985 A
  9 maggio
1985
Panama
28 luglio
1980 A
27 agosto
1980
Paraguay
  3 febbraio
1972 A
27 gennaio
1980
Perù*
14 settembre
2000
14 ottobre
2000
Polonia
  2 luglio
1990 A
  1° agosto
1990
Portogallo*
  6 febbraio
2004 A
  7 marzo
2004
Regno Unito* **
25 giugno
1971
27 gennaio
1980
Rep. Centrafricana
10 dicembre
1971 A
27 gennaio
1980
Ruanda
  3 gennaio
1980 A
  2 febbraio
1980
Russia*
29 aprile
1986 A
29 maggio
1986
Saint Vincent e Grenadine
27 aprile
1999 A
27 maggio
1999
Salomone, Isole
  9 agosto
1989 A
  8 settembre
1989
Santa Sede
25 febbraio
1977
27 gennaio
1980
Senegal
11 aprile
1986 A
11 maggio
1986
Serbia
12 marzo
2001 S
27 aprile
1992
Siria*
  2 ottobre
1970 A
27 gennaio
1980
Slovacchia
28 maggio
1993 S
  1° gennaio
1993
Slovenia
  6 luglio
1992 S
25 giugno
1991
Spagna*
16 maggio
1972 A
27 gennaio
1980
Sudan
18 aprile
1990
18 maggio
1990
Suriname
31 gennaio
1991 A
  2 marzo
1991
Svezia**
  4 febbraio
1975
27 gennaio
1980
Svizzera
  7 maggio
1990 A
  6 giugno
1990
Tagikistan
  6 maggio
1996 A
  5 giugno
1996
Tanzania*
12 aprile
1976 A
27 gennaio
1980
Togo
28 dicembre
1979 A
27 gennaio
1980
Tunisia*
23 giugno
1971 A
27 gennaio
1980
Turkmenistan
  4 gennaio
1996 A
  3 febbraio
1996
Ucraina*
14 maggio
1986 A
13 giugno
1986
Ungheria
19 giugno
1987 A
19 luglio
1987
Uruguay
  5 marzo
1982
  4 aprile
1982
Uzbekistan
12 luglio
1995 A
11 agosto
1995
Vietnam*
10 ottobre
2001 A
  9 novembre
2001
*
Riserve e dichiarazioni.
**
Obiezioni. Le riserve e le dichiarazioni non sono pubblicate nella RU. Il testo, in francese e inglese, può essere consultato sul sito Internet dell’Organizzazione delle Nazioni Unite: http://treaties.un.org/ oppure ottenuto presso la Direzione del diritto internazionale pubblico (DDIP), Sezione Trattati internazionali, 3003 Berna.

OPPT – ONE PEOPLE’S PUBLIC TRUST

Indagine sull’OPPT (One People Public Trust)
Cos’è l’OPPT?
Negli ultimi mesi impazza sulla rete, una serie di filmati, siti web, pagine facebook che parlano dell’OPPT One People’s Public Trust, traducibile come la fondazione Pubblica dell’ unico Popolo’, un’organizzazione che nell’intenzione dei i suoi ideatori e fondatori avrebbe lo scopo di condurre ad una sorta di grande comunione tra ogni persona del pianeta, e tra il pianeta stesso ed il Creator.
Tutti uniti insieme, in unica entità fisica, morale e giuridica una grande fratellanza mondiale che metterebbe fine a guerre, nazioni e divisioni di classe e di reddito ed alla cui effetti a realizzazione mancherebbero pochi mesi, se non settimane.
Ma per giungere a questo obbiettivo filosofico – religioso l’OPPT avrebbe intrapreso una serie di azioni legali senza precedenti che lascio al commento di uno dei siti web che divulgano il progetto OPPT.


Questo articolo si preannuncia essere d’importanza storica. Per la prima volta, in lingua italiana, sono spiegati al pubblico, in maniera esauriente, i principi di funzionamento alla base del One People’s Public Trust.
A chi non avesse familiarità con il concetto di trust, nè abbia conoscenza del background storico, politico ed economico dietro questa operazione legale epocale, raccomandiamo la lettura degli articoli linkati a piè di pagina.
Vi renderete conto da soli delle enormi implicazioni giuridiche e sociali derivanti dal pignoramento delle corporations mondiali, implicazioni che nel lungo periodo, confluiranno in un nuovo paradigma della condizione umana.

di Andy Whiteley

 

Alcuni di voi ne hanno già sentito parlare… altri invece no. Come pubblicamente annunciato il 25 dicembre 2012, il dominio del sistema dei Governi Aziendali è stato legalmente pignorato… attraverso uno dei suoi stessi meccanismi. I “Poteri-In-Essere” sono ora diventati i “Poteri-Che-Erano”. Tutti i debiti sono stati cancellati e le società corporative – incluse ma non limitate ai governi corporativi e banche – sono state pignorate.
Certo, possono continuare a fare il gioco sporco nella speranza che noi si continui a giocare con loro. Tuttavia, grazie ad una serie di depositi in UCC (Uniform Commercial Code) redatti da OPPT – One People Public’s Trust, ora la scelta è nelle vostre mani. È ormai attiva a tutti gli effetti una nuova struttura di governance sociale, ratificata attraverso la struttura “legale” di quella precedente controllata dalle
corporations.

In altre parole… SIAMO LIBERI!

Mettetevi comodi, gente: anche se questo è un lungo articolo, vi consiglio di non perdervelo!

 

One People’s Public Trust

Il compimento delle azioni legali intraprese dall’OPPT ha generato molta eccitazione. Ed è giusto così! Il potenziale generato in favore di un cambiamento positivo è enorme!

Prima di discutere le sue implicazioni, vorrei però presentarvi gli antefatti e le premesse alla situazione.

I governi e i media controllati dalle corporazioni si rifiutano, per ovvie ragioni, di annunciare la loro dismissione. Quindi credo che il nostro ruolo, in quanto consapevoli cittadini del mondo, sia quello di capire cosa è successo e come è successo, in modo da poter informare gli altri ed avviare finalmente il processo di cambiamento globale che tutti stavamo aspettando.

Mettetevi comodi, gente: anche se questo è un lungo articolo, vi consiglio di non perdervelo!

 

Ma prima, riepiloghiamo come stanno le cose

Prima di proseguire, vorrei fare alcune premesse.

1. I governi sono (erano) corporationsIl fenomeno dei Governi Aziendali è dimostrato non solo dal modo in cui i governi si comportano relativamente al Trust governativo (rivestendo cioè il ruolo di Beneficiario e non quello di Fiduciario), ma risulta anche dalla documentazione ufficiale! Gli Stati Uniti, il Canada, l’Australia, il Regno Unito, la Francia, l’Italia, il Brasile, il Giappone, il Sud Africa (e l’elenco potrebbe continuare…) sono tutte entità corporative con sede negli Stati Uniti, registrate come tali all’interno della SEC– Security & Exchanges Commission americana e operanti, in quanto tali, a nostre spese.
“Il sistema” è di natura oligarchica, essendo orientato al solo profitto di “pochi” e sostenuto dal lavoro del resto della popolazione.

2. Le persone sono (erano) corporations. Al momento della registrazione all’anagrafe, il certificato di nascita firmato dai vostri genitori viene utilizzato dal Governo Aziendale per avviare un trust a vostro nome. Questo trust è utilizzato come collaterale per un conto di garanzia che viene creato e finanziato a vostro nome. Siete voi i beneficiari di questo trust… ma nessuno vi dice che esiste. Se non sottoscrivete un testamento entro il compimento del 7° anno di età, il Governo Corporativo vi dichiara defunti e, in base al Diritto Marittimo siete ufficialmente considerati dal sistema come “dispersi in mare“. Dico davvero.

Il Governo Aziendale assume quindi il controllo finanziario della vostra eredità patrimoniale e, consapevole del fatto che la maggior parte di voi vive oltre i 7 anni, continua a trattarvi come schiavi. I fondi generati dalla monetizzazione della vostra vita – usando voi stessi a garanzia – vi vengono prestati quando domandate finanziamenti bancari, mutui, ecc. Siete poi costretti a lavorare per ripagare al sistema i fondi più gli interessi. Legalmente, non avete alcun diritto perché siete considerati “deceduti” dall’età di 7 anni. Avete perso.
Cliccate qui per info sul vostro rapporto con il trust governativo.

I mass media sono lo strumento utilizzato dai Governi Aziendali per fare propaganda direttamente a casa vostra. I media sono usati per manipolare la percezione pubblica delle azioni e delle omissioni dei governi, per rafforzare norme sociali, limiti e comportamenti, e per vendervi ogni sorta di robaccia mediante la creazione di un bisogno e la fornitura di un prodotto che lo soddisfi. La cosa non è limitata soltanto ai media: la psicologia del vecchio paradigma è rafforzata anche dalle istituzioni educative e religiose. Società, governi e media dicono tutti le stesse bugie. Fanno tutti parte della stessa bestia.

3. Di conseguenza, la struttura economica mondiale è (era) un meccanismo per la schiavizzazione di massa. La schiavitù è un sistema in cui le persone sono trattate come proprietà e costrette a lavorare. Dal momento della loro cattura, acquisto o nascita, gli schiavi sono trattenuti contro la loro volontà e privati del diritto di andarsene o rifiutarsi di lavorare.

Vi suona familiare?

Siete nati in un sistema senza che vi sia mai stato detto come funzioni. Siete stati cresciuti ed educati a contribuire al sistema. Siete costretti a lavorare molte ore al giorno per il sistema e a pagare le tasse al sistema. È necessario che ne rispettiate le regole – la maggior parte delle quali si riferiscono a beni e proprietà – o sarete puniti. Per la sua natura, il sistema fornirà abbondanza solo a pochi eletti, mentre gli altri soffriranno la fame. Anche se tutto questo non dovesse piacervi, non potreste uscire dal sistema. Il sistema “possiede” tutto, tutti e dappertutto.

Fino ad ora, avete avuto una sola opzione: giocare. È come vivere in un casinò senza uscita, in cui il banco vince sempre.

 

Quando sono stati privatizzati i nostri governi?

Tutto iniziò con l’introduzione del Federal Reserve System. In occasione della promulgazione del Federal Reserve Act, durante la sessione del 22 dicembre 1913 (vol. 51), l’oratore Charles A. Lindbergh avvertì il Congresso degli Stati Uniti delle inevitabili conseguenze dell’istituzione del sistema Federal Reserve, che avrebbe potuto prendere il controllo della società manipolando il tasso d’inflazione e il costo del denaro.

Queste furono le parole di Lindbergh: “D’ora in poi, le crisi economiche saranno scientificamente create“.

E così fu. Nel 1929, i Poteri-Che-Erano fecero crollare deliberatamente il mercato azionario. Come? Le fluttuazioni del mercato azionario sono guidate dalle emozioni. Prima del crollo del 1929, fu generato un periodo d’inflazione, suscitando artificiosamente l’eccitazione del mercato. Coloro che detenevano il controllo del mercato, dopo aver ceduto le loro partecipazioni azionarie a prezzi elevati, generarono il panico sui mercati. Una volta crollati i prezzi, riacquistarono le loro partecipazioni a prezzi stracciati, eliminando la concorrenza in difficoltà.

In breve, la Grande Depressione fu generata artificialmente in modo che le grandi aziende che controllavano il mercato azionario potessero trarne profitti, prestando ai governi il denaro necessario per riaversi dalle conseguenze del collasso pianificato. Le nazioni sovrane furono costrette a firmare accordi sul debito che, per loro natura, sarebbero stati impossibili da solvere. Quando i debiti nazionali cominciarono ad impennarsi, venne formalizzato il paradigma della “schiavitù da debito” e le corporation presero definitivamente il controllo.

Oggi, i Governi Aziendali continuano a mascherarsi da governi effettivi. Il sistema bancario della Federal Reserve (che domina l’economia occidentale) continua ad alternare strategicamente periodi di espansione economica a periodi di recessione, aumentando o diminuendo l’offerta di moneta e l’accesso al credito. L’attuale crisi finanziaria globale ne è un perfetto esempio. In tutto questo, anche i mass-media affiliati svolgono la loro parte, influenzando le tendenze emozionali del mercato azionario e coprendo le menzogne della classe politica.

Tuttavia, la complessa campagna intrapresa dall’OPPT ha costretto il sistema corporativo al pignoramento. Tutte le aziende, inclusi i governi e i sistemi bancari, sono stati destituiti grazie all’uso dei loro stessi meccanismi di regolamentazione commerciale. Legalmente parlando, è il caso di dire: “Via con vecchi trust e avanti con il nuovo!”.

 

E così, siamo giunti finalmente a rovesciare i governi?

No. È il rovesciamento delle corporations che si sono finora mascherate da governi. Se capite che “i governi” sono in realtà società private che hanno sovrascritto di nascosto le costituzioni delle nazioni sovrane, la loro dismissione non può che essere vista come un atto dovuto.

La frode del governo è reale. Finalmente, a causa dell’incapacità di controbattere alle rivendicazioni stilate secondo il codice UCC, l’intero complesso aziendale governativo si trova ad essere colpevole di frode, tradimento e messa in schiavitù. Secondo il Diritto Internazionale, l’OPPT ha il diritto di chiedere giustizia per questi reati, in nome e per conto del Popolo Uno (nel senso di “unitario e dotato di coesione interna”, orig. “One People”). Così, ha scelto di pignorare e dismettere le corporations, le banche e i governi responsabili, di confiscarne infrastrutture ed assets – fra cui tutto l’oro e l’argento di proprietà del sistema bancario – e di riconsegnarli in mano al Popolo Uno.

Non pensate a quest’azione come ad una sovversione, pensatela piuttosto come il recupero di beni rubati.
Le azioni del One People’s Public Trust reclamano essenzialmente ciò che è già nostro, in veste di esseri sovrani di questo pianeta. La Legge Universale, la Common Law e l’UCC sono ora le leggi reggenti giuridicamente il pianeta.

Descriverò successivamente in dettaglio i meccanismi implementati dall’OPPT per sostituire le necessarie funzioni di governo.

 

UCC: la Bibbia di commercio

L’UCC è la “Bibbia” del commercio, poiché disciplina esattamente il modo in cui il commercio internazionale va attuato. Infatti, l’intero sistema commerciale mondiale ruota oggi intorno alle leggi UCC. Perfino la banca utilizza i processi legali disciplinati dall’UCC per ipotecarvi la casa o espropriarvi l’automobile.

Le leggi UCC Restano un esclusivo monopolio delle multinazionali e dei loro agenti, ciò nonostante, è accaduto che uno degli Amministratori Fiduciari (orig. “Trustees”) dell’OPPT, dopo essere stato professionalmente coinvolto nel sistema di diritto UCC, ha potuto comprendere a fondo come i Poteri-Che-Erano hanno manipolato l’UCC per controllare il sistema finanziario degli Stati Uniti a livello altissimo.

Madre dell’OPPT e sua punta di diamante, Heather Ann Tucci-Jarraf, esperta di UCC, ha sfruttato il pignoramente della sua casa come banco di prova. Ne ha contestato l’espropriazione attraverso le procedure UCC, e così facendo ha scoperto, per dirla in modo semplice, come il sistema giudiziario degli Stati Uniti sostenga da sempre il sistema corporativo-aziendale.

Ciò non sorprende davvero, dato che il 99% delle nostre leggi disciplina la proprietà o il commercio.
Dopo una serie di valutazioni estremamente prudenti, l’OPPT ha concluso che le corporations operanti sotto l’egida di governi e sistemi finanziari apparentemente “pubblici” sono responsabili di alto tradimento verso i cittadini di questo pianeta, senza che essi ne siano a conoscenza, né abbiano mai espresso in tal senso volontà o consenso intenzionale.
Clicca qui per leggere la relazione finale dell’indagine.

Quindi, con lo scopo di pignorare l’intero sistema, gli amministratori fiduciari dell’OPPT hanno predisposto una trappola, usando gli stessi strumenti giuridici forniti dal sistema, contro il sistema stesso.

 

Come ha fatto l’OPPT ad ottenere il pignoramento?

L’OPPT è gestito dagli Amministratori Fiduciari (o “Trustees”) Caleb Skinner, Hollis Randall Hillner e Heather Ann Tucci-Jarraf. L’OPPT è stato creato nel momento in cui gli amministratori hanno vincolato loro stessi, e di conseguenza riesumato, il trust risultante dall’originale Costituzione degli Stati Uniti del 1776, costituzione che è stata abbandonata nel 1933, quando il governo degli Stati Uniti fu trasformato in una corporation.

L’OPPT ha poi vincolato a questo trust ogni individuo del pianeta, in qualità di equamente beneficiario, indicandolo come “il Popolo Uno, creato dal Creatore”. Così facendo, gli Amministratori Fiduciari hanno generato un trust di lignaggio superiore a qualsiasi altro, essendo questo un trust fra il Creatore e le sovranità individuali della Terra. Questi “stati” individuali sovrani sono i beneficiari del Creatore e custodi delle sue manifestazioni sulla Terra. Legalmente parlando, non può esserci alcuna pretesa superiore a quella del One People’s Public Trust… eccezion fatta per quella reclamata dal Creatore stesso.

Le risorse del nostro pianeta, indicate nei documenti UCC depositati come “la totalità dell’oro e dell’argento mondiali”, non possono quindi più essere soggetti a proprietà, nè venduti a qualsiasi prezzo, nè centellinati in quantità minime salariali per schiavizzarci, nè nascosti per creare povertà o miseria. Sotto ilOne People’s Public Trust, tutti abbiamo uguali diritti patrimoniali. Le risorse del nostro pianeta appartengono ora a ciascuno di noi in egual misura, per diritto di nascita. Ora è legge.

Tra il 2011 e il 2012, i Trustees hanno depositato una complessa serie di documenti in UCC per conto dei suoi
Beneficiari. I dettagli completi dei documenti depositati dall’OPPT secondo il diritto commerciale UCC si possono trovare sul sito web https://archive.org/details/OPPTUCCFILINGS. Fate attenzione: questi documenti sono assai impegnativi da leggere, perchè stesi per garantire la certezza del diritto e della diffusione legale, non per comunicare al pubblico le azioni dell’OPPT o le loro conseguenze. Tuttavia, gli Amministratori stanno collaborando direttamente con la comunità dei “media alternativi” mondiali in modo da assicurarsi che tutti possano ricevere informazioni accurate, chiare e pertinenti.

Cerchiamo di riassumere questi documenti:

Specificando che le corporations, i governi e le banche sono la stessa cosa, è stato depositato un “Ordine di Ricerca e Azione” (orig. “Order of Finding and Action”) contro il “Debitore“, denominazione della persona giuridica – creata attraverso le procedure dell’UCC – che comprende e racchiude in sè tutte le entità aziendali del mondo. I documenti depositati affermano che il Debitore abbia “consapevolmente, volontariamente e intenzionalmente commesso tradimento” mediante “possesso, manipolazione, favoreggiamento e connivenza con i sistemi monetari privati“, e abbia posto in essere una “schiavizzazione sistematica dei cittadini, senza il loro consenso consapevole, volontario ed intenzionale“.

I documenti depositati in UCC sono pubblici e seguono le normali procedure amministrative. A fronte di una contestazione, al Debitore è concesso il diritto di replica. Se questa non perviene entro i previsti termini di scadenza, è avviata di default un’azione legale seguita dall’estinzione dell’entità giuridica, in questo caso, dovuta al fatto di non essere riuscita a confutare le accuse di tradimento da parte del Popolo Uno.

La cosa importante da capire è che ogni documento, dal momento in cui viene depositato in UCC, assurge a legge se rimane inconfutato. E in questo caso, gli Amministratori dell’OPPT assicurano di aver creato una situazione giuridica in cui gli individui e le entità che formano il Debitore non hanno avuto la capacità di replicare. E come avrebbero potuto? Gli addebiti per messa in schiavitù e per frode sono reali.

• Naturalmente, nessuna confutazione è mai stata ricevuta.
• Il Debitore è quindi colpevole di tradimento.
• Come contropartita, le corporations sono pignorate e i loro assets rivendicati.
• La ricchezza del nostro pianeta viene restituita al Popolo Uno.
• Tutti i debiti corporativi sono cancellati.
• “Il sistema” è terminato.
• Ciò si evince dalla pubblica documentazione archiviata.
• I depositi UCC si pongono ora come norme di Diritto Internazionale.
• Detto con la terminologia propria del sistema, “il sistema” non esiste più.
• Siamo liberi!

 

Tutto questo cosa significa?

Legalmente, nessuno può agire in veste di autorità superiore nel rapporto tra voi e il Creatore. Avendo rimosso i meccanismi di controllo dell’economia e dei governi, il One People’s Public Trust lascia le persone sotto la loro piena ed autonoma responsabilità, quella di essere personalmente responsabili per sé e di garantire il libero arbitrio e i diritti degli altri. Non c’è più una catena strutturata di comando. Non ci sono regole. Nessuna corporation dietro cui nascondersi. Voi siete – come il Creatore intese in origine – un Essere custode del vostro pianeta e dei suoi abitanti.

Si tratta di un massivo cambiamento di paradigma, che richiederà indubbiamente del tempo per trovare piena realizzazione.

Sono state abolite le barriere sistemiche che hanno inibito il nostro libero arbitrio e le nostre scelte, il che pone nuove sfide al modo in cui vediamo noi stessi e compiamo le scelte importanti nella nostra vita. Da oggi viviamo – almeno sulla carta – in un sistema di auto-responsabilità. I depositi registrati dell’OPPT hanno validato tutto ciò a tempo indeterminato, in modo che il vostro libero arbitrio non possa più esservi tolto senza il vostro consenso consapevole.

Finora, la nostra esistenza all’interno del precedente sistema di schiavitù si è rivelata una lotta costante, una lotta per conciliare gli impegni lavorativi e familiari, una lotta per sbarcare il lunario e potersi permettere un posto in cui vivere, un luogo dove poter esistere.

In un mondo di abbondanza progettato specificamente dal Creatore per provvedere alle nostre necessità, questa lotta non era però uno stato naturale dell’essere. Piuttosto è stata il risultato di una guerra psicologica giocata contro di noi. E ha funzionato! Ha mantenuto noi esseri umani sotto controllo, ci ha costretti a lavorare da bravi piccoli schiavi, garantendo la distribuzione dei profitti ai pochi privilegiati al potere.

Ma oggi, usando la sua stessa definizione, “il sistema” non esiste più.

Molti di noi hanno visto “il sistema” per quello che era. Molti non lo hanno fatto. Molti non hanno creduto che il “sistema” non fosse davvero un sistema. Molti se ne renderanno presto conto.

Indipendentemente da ciò, non appena la scomparsa del vecchio paradigma si radicherà e si manifesterà nelle nostre società, dovrà essere accompagnato da un cambiamento psicologico in tutti noi. Potrà sembrare stravolgente, ma noi esseri umani abbiamo già affrontato diversi precedenti cambi di paradigma: considerate soltanto il cambiamento psicologico interiore richiesto alla razza degli schiavi afro-americani quando fu abolito il sistema di servitù non- volontaria… e quello del popolo tedesco quando crollò il muro di Berlino nel 1989… quello dei cittadini della ex Unione Sovietica, all’atto del sua dissoluzione nel 1991… quello del popolo egiziano, che ha fatto cadere la dittatura nel 2011… quello del popolo islandese, che nel 2012 ha imprigionato banchieri e politici corrotti e riscritto la propria costituzione…

Questo tipo di rivoluzione psicologica non è nuovo. Ma pone di fronte molte sfide a livello personale.

Questo è il momento di essere coraggiosi, e di essere coraggiosamente VOI stessi. In assenza di una struttura di controllo, ognuno di noi deve farsi carico del proprio destino e del destino del nostro pianeta. Dobbiamo imparare, ancora una volta, a compiere scelte per noi stessi ed iniziare a creare il mondo nel quale vogliamo vivere.

Proprio come dei neo-genitori, dobbiamo accettare che la vita non sarà più la stessa e, in assenza di un “libro di regole” ci sintonizzeremo con i nostri istinti ed impareremo a cooperare in modo nuovo… insieme.

 

Perchè i cambiamenti non si vedono ancora?

Siate pazienti li vedrete.. In primo luogo, abbiamo bisogno di identificare come le azioni dell’OPPT abbiano cambiato il panorama legale, e il modo in cui ciò si ripercuote su di noi.
Il vecchio sistema corporativo scenderà in campo a combattere? Ovviamente, si! I governi controllati dalle corporations fingeranno che non sia cambiato nulla. Se voi continuerete ad accettare il loro sistema di schiavitù del debito, sono sicuro che i “Poteri-Che-Erano” saranno lieti di accontentarvi!

Ma non fatevi ingannare: sanno quanto è successo. Sanno che sono stati pignorati. Sanno che il gioco è finito. Ora è scritto nel Diritto Internazionale.

Abbiamo la libertà di non cooperare pacificamente con il vecchio sistema. È venuto il tempo per esercitare questa libertà.

Se vi sembra strano che i governi “visibili” siano ancora mascherati come tali, tenete presente che i governi “visibili” sono burattini aziendali che non hanno mai dettato legge veramente. A questo punto, gli ex proprietari vorrebbero farci credere che tutto proceda come prima. Finora, hanno sempre fatto affidamento sulla segretezza, e continueranno a fingere fino alla fine. Questo è il loro solo modo.

In una intervista a Freedom Radio, Heather Ann Tucci-Jarraf, trustee dell’OPPT, ha rilasciato la seguente dichiarazione che riassume il suo piano per risolvere il problema:
“A coloro che si domandano quale sia la risposta dell’OPPT alle azioni o alle omissioni delle persone ‘in vista’, dico che sono venuta invece per i burattinai, per i pesci grossi che si nascondono dietro al velo dell’anonimato… e loro lo sanno. Con assoluto amore e pace, con assoluta gratitudine e grazia… Heather.”

 

Come gestire le azioni del sistema contro di voi

Con la dissoluzione del sistema debito/schiavitù, ogni debito fittizio che presumevate di avere verso il sistema è stato sciolto. Pensateci per un minuto!

Per facilitarvi la transizione fuori dal vecchio sistema, è necessario che comprendiate quali rimedi immediati sia possibile applicare alle azioni in corso che il vecchio sistema ha intrapreso contro di voi.

In due recenti articoli su wakeup-world.com, abbiamo discusso un metodo pre-OPPT per riaffermare la propria autorità al di sopra del meccanismo di governo corporativo (vedi parte 1 e parte 2). Questo metodo è radicato nella consapevolezza che 1) i precedenti governi erano corporations, e che 2) spetta a coloro che rivendicano l’autorità di governare l’onere di dimostrarne la legittimità.

Potete vedere uno studio sull’applicazione di questo metodo su un caso di vita reale nel documentario di Scott Bartle “What the FUQ? Frequently Unanswered Questions of the Australian Government“.

Semplificando, il punto nodale di questa sfida è stato:

“Avete una rivendicazione da fare su di me e io sono felice di onorare la vostra richiesta… però prima vorrei sapere se sto trattando con le persone giuste. Dimostratemi che voi rappresentate il vero governo di questo paese, così come costituitosi alla creazione di questa nazione.”
In questa situazione, una volta che l’ente che agisce per conto del Governo Aziendale non riesca a dimostrare la sua legittimità, il controllo di tale interazione potrebbe essere assunto da voi, introducendo i termini e le condizioni in base alle quali qualsiasi interazione tra voi e l’entità giuridica coinvolta possa continuare.

Nel mondo post-OPPT, la procedura per contestare la presunta autorità degli agenti corporativi (compresi coloro che dichiarano di rappresentare il governo) è essenzialmente questa:

“Sarei felice di soddisfare la vostra richiesta… però nel sistema giurisprudenziale UCC c’è un deposito tuttora
incontestato che pignora l’entità che voi sostenete di rappresentare. Al momento presente, state agendo pertanto in virtù della vostra sola responsabilità personale. Vi prego dunque di cessare la prosecuzione delle vostre rivendicazioni su di me. Se deciderete di proseguire con le vostre rivendicazioni, tutte le future interazioni fra le parti in causa saranno sottoposte alle seguenti condizioni… ”
Considerato che non rappresenta più una persona giuridica, si dovrebbe notificare all’agente – in quanto persona individuale – una Notifica di Cortesia (orig. “Courtesy Notice”) che include i termini e le condizioni in base a cui si accettano tutte le interazioni future. Oltre ad informarli, questa notifica dà loro la possibilità di ritirare la richiesta illegale formulata contro di voi. Se l’agente avvia ulteriori contatti con voi, va ad innescare un contratto personale fra le parti, disciplinato e vincolato dall’accettazione dei termini e delle condizioni da voi fornite.
Se un secondo agente della stessa ex corporation vi contatta per la medesima questione, ripetete la procedura anche con esso. Ricordate: le aziende non esistono più, avete a che fare soltanto con altri individui.

Sul sito www.noièiosono.com sono disponibili ulteriori informazioni sul percorso OPPT1776 in italiano e registrandosi avrete accesso ai documenti e le linee guida anche per la creazione della vostra Notifica di Cortesia comprensivo di Termini & Condizioni. Il vostro potere è pronto per essere esercitato
(ulteriori info disponibili linee guida alla compilazione della Notifica di Cortesia e OPPT Courtesy Notice).

La consapevolezza pubblica del nuovo paradigma necessiterà di tempo per manifestarsi nella nostra società. Fin quando le implicazioni del One People’s Public Trust non saranno diffusamente conosciute e adottate dalla comunità, vi preghiamo di essere rispettosi verso chi non ne è ancora a conoscenza. Alla fine, man mano che gli individui si risveglieranno al nuovo paradigma, cesseranno semplicemente di operare per conto delle ex corporations. Ma se, nel frattempo, vi accorgete che a qualcuno farebbe comodo disporre di una Notifica di Cortesia, onorate la vostra posizione di conoscenza e cogliete l’occasione per informarlo rispettosamente.
Anche gli agenti di ex corporations, ex banche ed ex governi sono proprio come voi e me: sono stati schiavi dello stesso sistema. Solo che loro non conoscono ancora la verità, tutto qua.

Nel caso di questioni legali, non è raccomandabile consegnare una Notifica di Cortesia comprensivo di Termini & Condizioni ad un (ex) agente di polizia che vi ferma per strada. Anche in questo caso, vanno considerati proprio come il resto di noi… e realisticamente sarebbero ancora più suscettibili di arrestarvi e incriminarvi se vi rapportaste a loro in quel modo brusco. Fino a quando la consapevolezza dell’opinione pubblica non raggiungerà un punto di saturazione, vi consiglio di assecondare da subito le cariche ufficiali pi basse e consegnare la vostra Notifica di Cortesia solo in un secondo momento, via fax, e-mail, lettera raccomandata, o anche a mano.

Se la cosa dovesse finire in tribunale, informate il Magistrato, il Giudice (o chi per esso) nello stesso modo su indicato, prima della data stabilita per l’udienza. Non vi consiglio di mettere il Giudice in difficoltà fornendogli Termini & Condizioni in tribunale. Se sarete rispettosi e permetterete loro di leggersi preventivamente in privato la Notifica di Cortesia prima di ascoltarlo da voi, otterrete sicuramente un miglior risultato per tutti gli Esseri coinvolti in questa interazione.

Ricordate: la procedura di emissione delle Notifiche di Cortesia sono sia un buon esercizio di apprendimento per coloro a cui vengono notificati sia un rimedio per la vostra situazione. Sarà comunque la cooperazione tra gli individui la chiave per manifestare il nuovo paradigma nella nostra società. In assenza di qualsiasi copertura mediatica ufficiale su questo argomento, la diffusione pubblica del One People’s Public Trust potrà avvenire soltanto attraverso la condivisione rispettosa delle informazioni all’interno delle nostre comunità e network.

Dopo tutto, siamo noi il “Popolo Uno, creato dal Creatore”.

 

Quali meccanismi vengono forniti dall’OPPT?

Dalla dissoluzione legale del sistema dei Governi Aziendali, ne deriva la dissoluzione della miriade di leggi e regolamenti creati attraverso le precedenti strutture legislative e amministrative. In quanto Beneficiarie del One People’s Public Trust, rimangono l’UCC, la Legge Universale e la Common Law come uniche e sole regole del gioco.

La Legge Universale è in essenza un principio onnicomprensivo che governa la condotta fra gli esseri. La Legge Universale è espressa nei seguenti termini: “qualsiasi scelta dovuta al libero arbitrio è ammessa finché non interferisce con le scelte di libero arbitrio di un altro essere“. Questo è fondamentale per la struttura dell’OPPT.

La Common Law si riferisce alle “leggi dei precedenti giurisprudenziali” sviluppate nel corso dei millenni attraverso le sentenze di giudici e tribunali consimili. La Common Law si basa sul principio secondo cui non è corretto trattare casi simili ogni volta in modo diverso (principio dello “stare decisis) e sul principio del “non nuocere, non arrecare perdita” (“quieta non movere)

Per agevolare la transizione verso il mondo post-OPPT, gli Amministratori hanno creato un nuovo quadro legislativo – basato sulla Legge Universale e sulla Common Law – che ci permetterà di costruire un nuovo mondo e smantellare quello vecchio.

Qualsiasi persona, ed in particolar modo il personale militare i cui giuramenti sono stati cancellati dall’estinzione giuridica della corporation per cui hanno lavorato, possono “consapevolmente, volontariamente ed intenzionalmente” unirsi al One People’s Public Trust come Pubblici Funzionari (orig. “Public Servants”) per proteggere e servire il popolo del Creatore.

I Pubblici Funzionari che scelgono di legarsi al trust sono:

• autorizzati e obbligati a proteggere e preservare il sangue e la vita di tutte le persone;
• autorizzati a prendere in custodia, ogni e tutti, gli agenti e gli ufficiali, i proprietari, gli operatori e i collusi nel favoreggiamento verso i sistemi monetari privati, i sistemi di applicazione della legge e i sistemi di messa in schiavitù;
• autorizzati a porre sotto sequestro qualsiasi sistema monetario privato, monitorando, trasferendo, rilasciando e raccogliendo dati legittimamente;
• autorizzati ad utilizzare qualsiasi mezzo e risorsa strategica per adempiere a questo incarico.
Di fatto, i militari che vorranno dispongono ora di un quadro legale di riferimento che permette loro di abbandonare le milizie asservite al controllo corporativo e affiancarsi all’OPPT, contribuendo attivamente alla riappropriazione dei beni in favore del Popolo Uno.

Se io fossi giudice dell’umana natura, direi che un numero crescente di agenti sarebbero lieti di accettare questi “ordini”!

Ora, eseguire gli “ordini” non vuol dire che i Pubblici Funzionari potranno arrestare il primo agente esattore che vi telefona perché la vostra carta di credito è scaduta. È dovere di ognuno di noi – come Esseri del Creatore – aiutare gli altri non informati a capire questo cambiamento, informandoli e fornendo loro Notifiche di Cortesia. L’ordine di “esecuzione” si riferisce ai veri proprietari della struttura dei Governi Aziendali pignorati, cioè l’1% della popolazione.

 

Centri di assistenza per il Popolo Uno

Sebbene il servizio alla comunità non fosse affatto la motivazione in capo ai precedenti proprietari del “sistema”, le loro corporations adempivano comunque ad alcune funzioni di pubblica assistenza necessarie come le forze di polizia e i servizi di sanità… nella speranza che noi non ci saremmo mai accorti che fossero aziende!

Quali sono dunque le disposizioni dell’OPPT in merito al servizio pubblico?

Sono i CVAC – Creator’s Value Asset Centres (lett. “Centri per la Valutazione delle Risorse del Creatore”, n.d.t.), cioè meccanismi di assistenza progettati per sostenere e servire l’umanità, custode della Terra. Essi forniscono una rete interconnessa di supporto estesa a tutto il pianeta, gestita da Pubblici Funzionari che agiscono ogni momento in piena responsabilità.

Essi forniscono un semplice sistema di governo e amministrazione, che ricopre 8 aree di processo funzionale:

1. Conoscenza;
2. Comunicazione;
3. Trasporti;
4. Trasparenza;
5. Difesa e Mantenimento della pace;
6. Responsabilità;
7. Tesoreria;
8. Recupero.[*]

[*] La temporanea funzione di rivendicazione delle risorse appartenute al Debitore, le infrastrutture e la ricchezza del Popolo Uno, in conformità ai termini del One People’s Public Trust, n.d.A.

Ogni ex nazione sul pianeta ha una succursale CVAC ad essa riservata, ad eccezione del Vaticano. Ogni filiale CVAC amministrerà gli stessi servizi e funzionerà allo stesso modo delle altre filiali CVAC del mondo. Ogni essere umano sul pianeta sarà supportato da ciascun e qualsiasi punto nodale della rete CVAC ed ogni essere umano avrà accesso alle stesse risorse e network di supporto.

Ogni area amministrativa degli CVAC sarà gestita da un Consiglio locale e guidata da uno Steward (lett. “amministratore”), il cui ruolo principale sarà quello di coordinare e facilitare il Popolo Uno nel prendere decisioni e nel risolvere i problemi. La struttura potrà ospitare inoltre ulteriori sub-CVAC, da creare per la gestione di nuove circostanze o iniziative, a condizione che la loro funzione sia per il beneficio di tutti gli Esseri senza pregiudicare gli altrui diritti al libero arbitrio.

Il 15 febbraio 2013, nel corso di un’intervista su thecrowhouse.com la trustee OPPT Heather Tucci-Jarraf ha descritto la struttura CVAC come “un luogo sicuro e protetto dove possiate Essere e Fare, secondo le vostre scelte… ma senza danneggiare nessun altro“.
Le nostre possibilità sono letteralmente senza confini!

Per definizione, il sistema CVAC è l’antitesi di quei corrotti strumenti corporativi che abbiamo chiamato “governi”. Responsabilità, misurabilità e trasparenza sono i cardini della struttura dei CVAC. I CVAC forniranno la piattaforma per semplificare ed unificare le leggi, andando incontro ai bisogni di tutti. Sarà impedito interferire sul libero arbitrio di qualsiasi entità in esistenza, in modo da preservare e proteggere tutte le creazioni, il valore e gli assets dei Centri. Gli Steward e membri del Consiglio saranno soggetti ad un rinnovo trimestrale delle loro mansioni, il che assicura che i Pubblici Funzionari restino responsabili del Popolo Uno in ogni momento.

Per queste ragioni, i CVAC stanno a fondamento di un nuovo tipo di governance. Ora è il sistema che serve noi, e non il contrario. E con la consapevolezza e il sostegno crescenti del Popolo Uno, il suo primo compito sarà quello di rimuovere la vecchia cabala.

 

Andiamo avanti come “Popolo Uno”

Il One People’s Public Trust rappresenta un massiccio spostamento di paradigma. Fornisce un cambiamento strutturale che consentirà uno shift energetico nel lungo termine.

L’OPPT ratifica a tempo indeterminato la nostra libertà come Esseri del Creatore. Corregge a livello legislativo gli squilibri dovuti a povertà, ingiustizia e non-sostenibilità. Fornisce una piattaforma attraverso cui tutti noi possiamo sperimentare le meraviglie e le risorse del nostro pianeta. Rimuovendo dalla facciata delle entità corporative i ridicoli protocolli posti a protezione dei loro esecutori, ci ricollegheremo energeticamente gli uni agli altri. In quanto Esseri. In piena responsabilità. Ciascuno in egual misura. Dato che Siamo. Liberi.

Siamo in un periodo di enorme trasformazione sociale, politica e spirituale.

Personalmente, avverto questa transizione come se fossimo un po’ a cavallo fra due mondi. Il sistema che ha controllato la nostra vita così a lungo è stato rimosso, ma il cambiamento non si è ancora pienamente manifestato nel mondo fisico attorno a noi. Anche se il processo di riforma mondiale delle ex corporations in cooperative richiederà indubbiamente del tempo, abbiamo già fin d’ora il legittimo potere di rifiutare il vecchio sistema, che ancora non ha smesso di fingere di essere reale.

Anche noi abbiamo tante decisioni da prendere! Che cosa abbiamo scelto di Essere e di Fare nel nuovo mondo? Quali sono le opportunità che intendiamo creare attraverso il sistema CVAC? E realisticamente, che cosa ne faremo dei “Poteri-Che-Erano”?

Per ora, ogni essere umano ha il dovere di manifestare nella sua vita quotidiana la libertà concessa dal One People’s Public Trust, cercando di aiutare anche gli altri a capirlo, integrarlo e manifestarlo nella loro.

La libertà non è gratuita. Comporta responsabilità.
Il cambiamento inizia con voi.
Fate la cosa giusta, adesso. Abbracciate la vostra responsabilità. Spargete la voce.

SIAMO LIBERI!

Autore: Andy Whiteley – Fonte: wakeup-world.com
Traduzione italiana a cura di Lòthlaurin per Hearthaware blog
Siti ufficiali: cvacnationitalia.net ; i-uv.com ; noièiosono.com ;
Telegram: OPPT Resolution accesso via link dal sito www.noièiosono.com
You Tube: Marco Missinato Video “Introduzione alla nuova Matrice“con Barbara Banco e tutti gli altri.
Facebook Official: facebook.com/NoieIoSono

I CVAC sono stati chiusi dopo 3 mesi dalla preclusione dei Governi, in quanto questo era il termine stabilito per la ridistribuzione del valore a tutti gli esseri viventi, cosa che purtroppo ad oggi non è mai avvenuta perché i governi stanno perseverando da 7 anni illegalmente sfruttando l’ignoranza ed il consenso ad esistere datogli dalla popolazione non consapevole di quanto accaduto nel Marzo 2013.

In quest’anno 2020 è stato aperto un CVAC in Italia (CVAC Nation Italia) e potete ricevere ulteriori informazioni sulle loro nuove azioni visitando le loro pagine internet a questo link. Troverete inoltre informazioni sull`OPPT1776 ed i relativi documenti registrati all`UCC consultando l’archivio.

DOCUMENTAZIONE CORRELATA

OPPT - Siamo Legalmente Liberi
OPPT Siamo Legalmente Liberi

La Nascita di Noi è
La Nascita di Noi è

Lo Sapevi che...
Lo Sapevi che…

UCC – UNIFORM COMMERCIAL CODE

UNIFORM COMMERCIAL CODE (UniformCommercialCode-2) e IO SONO

l’ Uniform Commercial Code (UCC) è la ‘bibbia’ del commercio ed è utilizzato in tutto il Mondo, a
volte anche sotto mentite spoglie.
Il codice UCC non viene insegnato nelle Accademie di Diritto, ma è usato nelle questioni di alta
finanza e negli ambienti delle corporazioni governative. Di conseguenza la maggior parte dei
giuristi, degli avvocati e dei magistrati hanno poca conoscenza dello strumento.
L’UCC è il registro dei regolamenti e disciplina il modo in cui il commercio internazionale
dovrebbe essere attuato.
L’intero sistema commerciale fa perno sulle leggi UCC. Tutte le banche sono sottoposte alle regole
dell’ UCC. Contestazioni, debiti e accuse in generale, indipendentemente dal fatto che si tratti di un
debito, un ordine di un giudice, o qualsiasi altra richiesta, sono sempre guidati dalle regole del
commercio in quanto i Governi sono risultati essere a tutti gli effetti società che si attengono alle
regole del diritto contrattuale.
Consultare i seguenti documenti per approfondire:

1. Ordine Esecutivo 13037 datato 4 Marzo 1997 “L’ESSERE UMANO definito come
CAPITALE”

2. UCC Doc # 0000000181425776 depositato 12 agosto 2011 che fa riferimento a cittadini degli Stati Uniti come patrimonio  immobiliare: “(Omissis) … VERI UOMINI CON BRACCIA E GAMBE”.
Prestare attenzione particolare alla somma di $14,3 Quadrilioni, (miliardi di miliardi di miliardi di miliardi) registrata in transazione tra la la Federal Reserve System e Gli Stati Uniti – Dipartimento del Tesoro 1789

3. UCC Doc # 2001059388 evidenzia il modello della Federal Reserve Bank di New York utilizzato per rendere certi i fondi collaterali in tutto il Mondo, compresi i relativi certificati di assicurazione, ivi comprese le polizze, i beni e i nascituri, definiti “CUCCIOLI di ANIMALE”
Specchietto riassuntivo con riferimenti legislativi a questo link: http://www.scribd.com/doc/144661673/Ucc-Collateral-Westpac

Coloro che considerano il codice UCC come IRRILEVANTE AL DI FUORI DEGLI STATI UNITI, così facendo affermano che le pregresse modalità di finanziamento nel rapporto con la Federal Reserve Bank di New York sono di fatto nulle e prive di valenza.

Heather Ann Tucci-Jarraf, avvocato bancario internazionale esperto UCC, e i suoi colleghi amministratori Caleb Paul Skinner e Hollis Randall Hillner, hanno depositato presso l’UCC dei documenti che sostengono che il debitore “banche e governi” consapevolmente, volontariamente e intenzionalmente ha commesso tradimento col possedere, operare, favorire sistemi monetari privati e sistemi operativi di schiavitù usati contro i cittadini a loro insaputa e senza il loro consenso intenzionale.

Cancellazione dei Governi sulla carta Rif.: DICHIARAZIONE DEI FATTI : UCC Doc. N°2012127914 del 28 Nov. 201 http://www.scribd.com/doc/196130836/Declarationof-Fact

Cancellazione delle Banche sulla carta Rif.: TRUE BILL WA DC UCC Doc. N° 2012114776 del 24 Ott. 2012

3
Tutti i documenti UCC sono attualmente consultabili all’interno del Database Governativo ufficiale e rimangono inconfutati e legalmente validi per tutti i 194 Paesi registrati come Corporation di diritto privato dal 1933, Italia compresa: https://gov.propertyinfo.com/DCwashington/
Scarica tutti i documenti UCC: DOWNLOAD
Approfondimento tratto da (Link)

L’APPLICAZIONE DELLA LEGGE COMMERCIALE SOTTO L’UNIFORM COMMERCIAL CODE 2004

Il presente scritto è stato tradotto dalla Eterna Essenza manifesta in questo piano anche secondo le sembianze del nostro caro amico gianni.
Lo scritto risale, come ben potete constatare, al 2004 e questo fatto lo rende ancor più interessante poiché è una testimonianza e prova di come la reale conoscenza della situazione giuridico politica internazionale fosse già sotto la lente di ingrandimento di alcuni onesti esseri umani che, cercando la verità avevano in primo luogo scoperto quella grande menzogna che negli ultimi 60 anni ci ha resi una umanità di schiavi inconsapevoli e consenzienti (ma non per questo meno sofferenti).
Leggiamolo con cura perché, sebbene Heather Ann Tucci-Jarraf, Caleb Paul Skinner, Hollis Randall Hillner abbiano fatto gran parte del lavoro a nostro beneficio, solo la conoscenza senza compromessi ci può rendere definitivamente liberi, liberi anche di beneficiare del meraviglioso dono fatto da Heather, Caleb e Hollis.
Se nella mente dovesse sorgere l’obiezione “non si può sapere tutto, io non ho tempo di studiare tutto, non sono in grado di capire questi argomenti…” allora semplicemente potrebbe non essere ancora il momento di riguadagnare la libertà come esseri umani, la prigione della “persona fisica” potrebbe essere ancora il luogo più adatto dove invecchiare, morire e ricominciare un altro giro di giostra, e questo articolo una curiosità venuta a galla nel mare del sonno, nulla più; diversamente, sappiamo che questa vita è la nostra aula dell’apprendimento e non c’è assolutamente nulla di più importante che questo scopo per il quale siamo già attrezzati a prescindere dalle nostre (talvolta) timorose convinzioni.
Nota: evidenziati in blu alcuni passaggi salienti. Namaskar. Segue traduzione:

GERARCHIA DELLE LEGGI
Il primo ordinamento è la Legge Naturale.
Si tratta dei Principi Universali che è necessario rispettare in quanto esseri umani perché la non osservanza di tali principi renderebbe impossibile preservare la pace e la felicità sociali.
La conoscenza della legge naturale può essere raggiunta tramite la luce della ragione, per la sua essenziale affinità con la costituzione della natura umana.
La legge naturale esiste a prescindere da qualsiasi altra legge positiva.
Quando la legge cominciò a emergere nella umana coscienza, pensiero, parola e azione, si è arrivati alla legge di primo ordine su questo pianeta. La più importante delle leggi umane ha a che fare con la sopravvivenza che è un Principio Universale.
Si riferisce alle interazioni umane di ogni tipo esse siano, come l’acquisto, la vendita ed ogni genere di negoziazione.
Questa è la Legge del Commercio la quale esiste sin da quando l’uomo ha cominciato a interagire con il suo simile diverse migliaia di
anni fa, a partire dall’era Sumero/Babilonese quando è stata codificata e strutturata.
Documenti antichi datati oltre 6000 anni fa rivelano che il sistema legale era già così articolato da includere ricevute, conio di denaro, liste di spesa, bandi e sistema postale.
Come derivazione della Legge Commerciale, derivante a sua volta dalla legge naturale, ha preso forma la Legge Comune (co-munis). Quest’ultima si è sviluppata in Inghilterra per la risoluzione dalle dispute sulle zone di terreno in “allodium” (diritto feudale sulla terra) e si basava sul senso.
Quali sono i Principi Universali?
Ecco come sono citati da “Valeria” nella pregevole ricostruzione dell’evoluzione storica del diritto da lei pubblicata:
“Rispetta il Libero Arbitrio – Non danneggiare gli altri – Onora i contratti”
http://onepeoplefactory.org/per-cominciare-zero-capire-oppt/

“comune” quindi la legge comune è la legge della terra.
La “Common Law” favorì uno sviluppo del sistema giuridico e di molti riti e processi che i governi hanno introdotto e strutturato nelle regole e nei regolamenti dei tribunali.
Le procedure della Common Law erano basate sull’opportunità di “affrontare un eventuale accusatore o una parte offesa” di fronte a testimoni per risolvere il problema direttamente.
Questo processo non includeva mai avvocati, procuratori o giudici che utilizzassero le loro leggi private, in quanto i suddetti titoli venivano considerati come basati su una finzione o rappresentazione che non può mai essere la “cosa reale”.
A seguito della Common Law hanno preso forma i governi, con le loro leggi e regolamenti legislativi, e di seguito la gestione pubblica degli stati. Le sole “leggi” che lo stato può oggi creare servono a permettere al commercio di funzionare in maniera più efficiente ALL’INTERNO dello stato.
La sola “legge” che il governo centrale, gli Stati Uniti d’America, ha potuto creare è servita per permettere al commercio tra abitanti di stati differenti di funzionare in maniera più efficiente.
Ad un livello gerarchico inferiore, si trova “il rifiuto schiumoso”(n.d.a.), composto dalle politiche e i sistemi aziendali privati delle corporazioni straniere come STATI UNITI, LO STATO DI.., LA CONTEA DI.., LA CITTA DI.., etc. Lo scopo di tali “municipalità” (munus-capere: serviziprendere) è quello di “governare” le entità fittizie (ad esempio JOHN DOE e K-MART) ma non quello di regolamentare l’esistenza degli individui.
Ricordi quando pensavi TU di essere JOHN DOE perché questo è ciò che è scritto sulla tua patente di guida?
Uno dei nostri problemi è proprio quando ci confrontiamo con il governo con la municipalità e con altri elementi di questo tipo, secondo le loro “leggi”, in tutte le nostre attività commerciali a causa del condizionamento ad interagire sul ed al LORO livello.
Non ci siamo mai portati ad operare ai livelli fondamentali della legge, ai quali la realtà, il potere, la solidità e la preminenza si trovano IL Livello dei Sovrani.
Ora possiamo agire su questo potente livello.

COMMERCIO
I principi, le massime e i precetti della Legge del Commercio sono eterni, non modificati e non modificabili.
Sono espressi nella Bibbia, sia nel Vecchio Testamento che nel Nuovo.
Abbiamo già imparato nel secondo corso (n.d.a.) come la legge del commercio ci sia stata plasmata in più di 6000 anni.
Questa, forma una infrastruttura per tutte le leggi di questo pianeta e per i governi nel mondo.
Ecco perché è così potente.
Quando si agisce a questo livello, secondo questi precetti, nessuna legge inferiore può ribaltarla, cambiarla, abrogarla o mediare con essa.
La Legge del Commercio rimane la sorgente unica e fondamentale dell’autorità e della potente e funzionale realtà.

L’AFFIDAVIT
Il commercio nella vita di tutti i giorni è il il collante che mantiene solida la politica corporativa.

Più specificatamente, il commercio consiste in una modalità interattiva, dove, per ogni genere di transazione, ha valore assoluto la parola data, certificata nella responsabilità commerciale di ciascun attore da un “affidavit” giurato.
Tale entità o qualsiasi altra si presuma possieda lo stesso valore deve essere vero, completo, non equivoco, “la verità, tutta la verità e nient’altro che la verità”.
L’affidavit è abitualmente richiesto per pratiche relative alla patente di guida, per il protocollo 1040 dell’IRS (ndr: agenzia delle entrate USA), per la compilazione delle liste elettorali, per la contabilità interna al ministero del Tesoro, per la copia di un documento certificata da un notaio e su pressoché ogni altro documento al quale il sistema voglia che altri siamo obbligati o vincolati.
Questo tipo di giuramento, Affidavit Commerciale, deve essere vero, corretto, completo e prevede la “pena di spergiuro” qualora fosse disatteso.
In qualunque tribunale si verifichi una testimonianza orale, quest’ultima dovrà avvenire sotto giuramento secondo la formula “la verità, tutta la verità e nient’altro che la verità, così Dio mi aiuti.”
Inoltre per proclamare ogni fatto sotto solenne giuramento di responsabilità personale, commerciale, legale e finanziaria, per la validità di ogni affermazione, il partecipante deve fornire l’evidenza materiale, cioè la legislazione, il mantenimento dei registri, motivando la verità, la validità, la rilevanza e la verificabilità di ogni particolare asserzione per sostenerne la credibilità.
Il Commercio è antecedente e più fondamentale per la società dei tribunali dei sistemi legali, ed esiste e funziona a prescindere dei tribunali dei sistemi legali.
La Commercial Law, nella varietà non codificata, presentata un massimo di 10 precetti, è l’estensione economica della Legge Naturale
all’interno del mondo sociale umano ed è universale in natura. I fondamentali, invariabili, necessari e sufficienti principi delle “Massime del Commercio” sono pertanto queste:

MASSIME DI LEGGE

1) IL LAVORATORE E’ DEGNO DELLA SUA MERCEDE.
La prima di queste è espressa in: Esodo 20:15; Lev. 19:13; Mat. 10:10; Luca 10″7; II Tim. 2:6.
Massima di legge: “è contro l’equità per gli uomini liberi non avere la libera disposizione della loro proprietà.”

2) TUTTI SONO UGUALI SOTTO LA LEGGE
La seconda massima è: ” Uguaglianza prima della legge”
(Legge di Dio – Legge Naturale e Morale) Esodo 21:23-25; Lev. 24: 17-21; Deut. 1;17, 19:21; Mat. 22:36-40; Luca 10:17; Col. 3:25. “Nessuno è superiore alla legge”.
Ciò è basato su entrambe, Legge Naturale e Legge Morale, e si applica su tutti.
Se qualcuno afferma, o si comporta come se, egli fosse “al di sopra della legge”, questo è folle.
Questa è la massima follia nel mondo di oggi.
L’uomo continua a vivere, agire, credere e formare sistemi, organizzazioni, governi, leggi e processi che presumono essere capaci di surclassare o abrogare la Legge Naturale e Morale.
Ma, sotto la Legge Commerciale, la Legge Naturale e Morale vincolano ciascuno e nessuno può fare eccezione.
Il Commercio, attraverso la legge delle nazioni, deve essere comune e non può essere convertito in monopolio o guadagno privato di pochi.

3) NEL COMMERCIO LA VERITA’ E’ SOVRANA
questa è una delle più rassicuranti massime che si possano avere, il fondamento per la tua pace della mente, la tua sicurezza e la tua capacità di vincere e trionfare – per ottenere il tuo rimedio – in questo ambito (Esodo 20:16; Ps. 117:2; Giovanni 8:32; II Cor. 13:8). La verità è sovrana – e il Sovrano dice solo la verità.
La tua parola è il tuo impegno.
Se la verità non fosse sovrana nel commercio, cioè in tutte le azioni e inter-relazioni umane, allora non ci sarebbero basi per nulla. Nessuna base per legge ed ordine, nessuna base per la responsabilità, non ci sarebbero standard, nessuna capacità di risolvere alcunché. Potrebbe
significare “niente procede”, “ognuno per se”, e “niente importa”.
Sarebbe peggio della la legge della giungla.
Commercio: “mentire è andare contro alla mente”.
proverbio orientale: “Di tutto ciò che è buono, il sublime è supremo”.

4) LA VERITA’ E’ ESPRESSA NELLA FORMA DI UN AFFIDAVIT
(Lev. 5:4-5; Lev. 6:3-5; Lev. 19:11-13: Num. 30:2; Mat. 5:33; Giacomo 5: 12).
Un affidavit è la solenne espressione della tua verità.
Nel commercio, un affidavit deve costituire la base e il fondamento per ogni transazione commerciale.
Non ci può essere alcuna valida transazione commerciale senza che qualcuno ci metta la faccia affermando: “questo è vero, corretto, completo e non equivoco.”
Quando si emette un affidavit, è una spada con due lame; essa taglia da entrambe le parti.
Qualcuno deve prendersi la responsabilità di dire qual’è la reale situazione.
Questo può essere chiamato True Bill (vero resoconto) come si dice nel Grand Jury.
Quando tu produci un affidavit in commercio tu assumi la forza di un affidavit.
Inoltre incorri nella responsabilità in quanto si tratta di una situazione nella quale altre persone possono essere non in accordo. Le cose cambiano a causa del tuo affidavit, e ciò può condizionare la vita altrui.
Se quanto tu dici nel tuo affidavit é, di fatto, non vero, allora coloro i quali sono influenzati negativamente possono rivolgersi a te con un ricorso giustificato dal fatto che hai mentito.
Le persone dipendono dal tuo affidavit e quindi possono perderci a causa di una tua dichiarazione falsa.

5) UN AFFIDAVIT INCONFUTATO RIMANE COME VERITA’ NEL COMMERCIO
(12 Pet. 1:25; Heb. 6:13-15;) Le affermazioni fatte nel tuo affidavit, se non confutate, emergono come la verità nel fatto.
Massima legale: “colui che fa una negazione, ammette”.

6) UN AFFIDAVIT INCONFUTATO DIVENTA SENTENZA NEL COMMERCIO.
(Heb. 6:16-17;) Ogni procedimento in un tribunale o in un foro di arbitrato consistente in una disputa, un duello relativo all’affidavit commerciale nel quale il punto che rimane alla fine inconfutato, si erge come verità nella materia alla quale l’esercizio della legge si applica.

7) NEL COMMERCIO OGNI MATERIA DA RISOLVERE DEVE ESSERE ESPRESSA.
(Heb. 4:16; Phil. 4:6; Eph. 6:19-21) Nessuno legge la mente.
Tu devi prendere una posizione esplicita, devi esprimere ciò che la questione è, per far si che si possa parlarne e risolverla.
Massima legale: “colui che fallisce nell’asserire i suoi diritti, non ne ha”.

8) CHI LASCIA PER PRIMO IL CAMPO DI BATTAGLIA PERDE PER ABBANDONO.
Gli utilizzatori principali dalla legge commerciale e quelli che meglio la comprendono e la codificano nell’occidente civilizzato sono gli ebrei.
La Legge Mosaica, che essi hanno avuto per più di 3500 anni, è basata sul commercio Babilonese.
Questa asserisce: CHI LASCIA PER PRIMO IL CAMPO DI BATTAGLIA PERDE PER ABBANDONO. (Book of Job; Mat. 10:22)
Ciò significa che un Affidavit non confutato punto per punto rimane come “verità nel commercio” perché la controparte ha lasciato il campo di battaglia. I governi esistono presumibilmente per risolvere le dispute, i conflitti e portare alla verità.
Esistono per intervenire sul campo del duello e della battaglia in modo che la disputa, il conflitto per la verità nell’Affidavit possa essere risolto pacificamente, ragionevolmente evitando la soluzione violenta.
IL SACRIFICIO E’ LA MISURA DELLA CREDIBILITA’ (NESSUNA VOLONTA’ DI SACRIFICIO = NESSUNA AFFIDABILITA’, RESPONSABILITA’, AUTOREVOLEZZA O CAPACITA’ DI CONVINZIONE
Massima legale: “chi non respinge un torto quando può, lo accetta” .
Chi non rischia non guadagna.
Un individuo deve assumere una posizione, ergersi avendo in mano la situazione.
Egli non può realizzare il guadagno potenziale senza esporre se stesso alla potenziale perdita.
(Chi si ritiene danneggiato, messo a rischio, impegnato in un giuramento nella sua responsabilità commerciale deve reclamarne l’autorità) (Atto 7, vita/morte di Stephen).
Chi per la verità delle sue affermazioni e la legittimità delle sue azioni, non ha le basi per asserire reclami o oneri, perde tutta la credibilità e il diritto.
Massima legale: “Colui che sopporta l’onere dovrebbe
anche trarne il beneficio”.

9) SODDISFAZIONE DI UN VINCOLO (LIEN).
Nel commercio un lien, o reclamo, può essere soddisfatto in uno dei seguenti tre modi: (Gen. 2-3; Mat. 4; Revelation.)

a) se qualcuno confuta il tuo affidavit con un altro affidavit a sua volta, punto per punto, fin quando la materia del contendere sia risolta. In caso di non risoluzione è come se fosse già corretta in partenza.

b) se ci si rivolge a uno Sceriffo della giuria della legge comune, basata sul Settimo Emendamento,
concernente una disputa che coinvolga un reclamo di per lo meno 20 dollari. In alternativa è
possibile rivolgersi a tre soggetti disinteressati che diano il loro giudizio.

c) l’unico altro modo per risolvere un lien è di pagarlo.
Massima legale: “se l’attore non prova le sue affermazioni, l’accusato è assolto”.

10) UN LIEN O RECLAMO PUO’ ESSERE SODDISFATTO SOLO CON UNA CONFUTAZIONE ATTRAVERSO UN AFFIDAVIT PUNTO PER PUNTO, LA SOLUZIONE DA PARTE DI UNA GIURIA O IL PAGAMENTO
La decima Massima di legge.
La Legge Commerciale è non giudiziale.
E’ non pre-giudiziale (senza pregiudizio).
E’ senza tempo.
E’ la base, il fondamento sopra il quale ogni governo o ogni sistema processuale può esistere o funzionare.
Questo significa che quello che i tribunali fanno, e quello sul quale i governi sono chiamati a giudicare e regolamentare, sono queste regole basilari della Legge Commerciale.
Quando vai in un tribunale e metti la tua mano sulla Bibbia e dici: “giuro di dire la verità, tutta la verità e nient’altro che la verità..” tu hai appena espresso un Affidavit Commerciale.
E’ il conflitto tra Affidavit Commerciali sulla verità che dà alla corte qualcosa su cui discutere, che forma le intere basi della sua azione, e avviene nelle loro sedi.
E’ una delle ragioni per cui gli avvocati cercano di creare sempre nuove controversie.
Nessun tribunale e nessun giudice può rovesciare o ignorare o abrogare l’Affidavit della verità di qualcuno.
Il solo che ha la capacità o il diritto o la responsabilità o la conoscenza di confutare il suo Affidavit della verità è colui che è da questo condizionato negativamente. Il suo compito, il suo diritto e la sua responsabilità sono di parlare per se stesso, di produrre il suo proprio Affidavit perché nessuno può parlare in sua vece.
Nessun altro può sapere quale sia la sua verità o che abbia la libera responsabilità di affermarlo.

11 LEGGE COMMERCIALE
Questo appellativo designa l’intero corpo della giurisprudenza sostanziale, cioè il Codice Commerciale Uniforme (Uniform Commercial Code), la Verità nell’Atto del Prestito, applicabile ai diritti e intercorsi, dell’individuo coinvolto in commercio, traffico o movimenti mercantili.
La Legge Commerciale mantiene l’armonia nei commerci, l’integrità e la continuità sociali.
E’ anche definito come il “mantenere la pace e la dignità dello Stato”.
Attraverso i millenni questi principi sono stati scoperti attraverso l’esperienza e distillati e codificati nelle dieci Massime fondamentali
elencate sopra.
Non c’è fatto legale o disputa possibile che non funzioni in uno o più di questi principi.
L’intero mondo del commercio oggi funziona in accordo con lo Uniform Commercial Code, la versione della Legge Commerciale della corporazione STATI UNITI.

RACCOLTA, E COME CALCOLARE IL TUO RISARCIMENTO
Ora, qui abbiamo un altro aspetto dei tuoi affidavit. Nel commercio c’è un aspetto Valutativo, che è
chi è in debito con chi, e di cosa, perché, come e per quale ragione; inoltre c’è un aspetto relativo
alla Raccolta.
L’aspetto di raccolta è basato sul commercio Internazionale che è esistito per più di 6000 anni.
Ancora esso è basato sulla Legge Ebraica e sul periodo di grazia Ebraico, il quale si svolgeva in
unità di tre; tre giorni, tre settimane, tre mesi. Questo è il motivo per il quale si hanno 90 giorni per
rispondere all’ufficio delle tasse (IRS).
I processi commerciali sono non-giudiziali. Essi sono processi sommari (corti, concisi e senza
giuria).
L’IRS (Agenzia delle Entrate USA) crea la maggior parte delle sue attività come Raccolta
Commerciale nel mondo intero. Il processo di raccolta è relativamente valido, anche se l’IRS non è
12
registrato per fare affari in nessun stato. Hai capito cosa hai appena letto? l’IRS NON E’
REGISTRATO PER FARE AFFARI O TRATTARE MATERIA COMMERCIALE IN ALCUN
STATO. Quindi come possono prelevare tutto il denaro che prelevano? RISPOSTA: perché lo dai
senza richiedere loro una prova pubblica o anche se loro siano “autorizzati” a farti offerte basate su
stime “arbitrarie”.
Comunque qui è dove le cose si fanno davvero interessanti. La successiva fase della materia è la
fase della valutazione: NON C’E’ UNA VALIDA VALUTAZIONE. L’IRS ha prodotto SEMPRE ,
anche se non può mai, e mai potrà, e mai potrebbe produrre una valida valutazione del lien o del
levy. Non è possibile.
Prima di tutto, allo scopo per loro di poterlo fare ci dovrebbe essere un documento, un True Bill nel
Commercio. Ci dovrebbe essere un Affidavit giurato da qualcuno che ciò è vero, corretto e
completo e non equivoco, cosa che nel commercio è essenzialmente “la verità, tutta la verità,
nient’altro che la verità” quando tu sei in un tribunale. Ora, nessuno nell’ IRS cerca di ottenere la
responsabilità commerciale esponendo se stesso a dichiarare il falso, fornendo alla gente
l’opportunità di rivalersi su di loro con un True Bill nel Commercio. Essi cercano quindi di istituire
il contratto, lo strumento fondamentale, con la tua firma in calce, nel quale tu sei in difetto e vi sono
elencati tutti i meravigliosi beni e servizi che loro hanno fatto per te e per i quali tu sei in debito;
oppure fanno un elenco di tutti i danni che tu avresti causato a loro e per i quali saresti debitore.
Per la mia conoscenza, nessuno ha mai ricevuto beni o servizi dall’IRS per i quali essere debitore. Io
personalmente non conosco nessuno cha abbia mai danneggiato qualcuno nell’IRS che abbia dato
loro il diritto di venire a dirci: “tu ci devi del denaro perché mi hai danneggiato”. La fase di
valutazione nell’IRS è non-esistente, è completamente fraudolenta. Un momento, c’é una
definizione di “servizio” che si può applicare veramente all’IRS:
Servizio: l’atto di prendere una femmina di animale da parte di un maschio di animale e fare “£$£!
così che il proprietario dell’animale possa “godere del prodotto di questa unione”.
Ti produce una certa sensazione dentro, vero?
13
Ecco perché queste regole della Legge Commerciale vengono in nostro aiuto. T.S.Eliot scrisse una
meravigliosa piccola frase in uno dei suoi poemi: “Noi non possiamo smettere di esplorare, e il
risultato di tutti le nostre esplorazioni ci farà arrivare nel posto dove avevamo cominciato e lo
avevamo conosciuto la prima volta”
Questo è l’inizio, e questa è la fine. Questo chiude il cerchio del processo.
Una ragione per la quale i banchieri super ricchi e la gente super ricca nel mondo sono stati in grado
di letteralmente rubare il mondo e soggiogarlo, saccheggiarlo, ridurlo in bancarotta e trasformare
molti di noi in beni mobili di loro proprietà è perché loro conoscono e usano le regole della Legge
Commerciale e noi no.
Siccome noi non conosciamo le regole, e nemmeno le usiamo, non sappiamo che cosa sia realmente
il gioco. Non sappiamo cosa fare. Non sappiamo come reclamare i nostri diritti, i nostri rimedi e
ricorsi. Siamo perdenti nel fare qualunque cosa alla luce del sole eccetto l’unica cosa che
rappresenterebbe la soluzione.
Nessuno ti spiega cosa ti accade e come tutto questo ti stia accadendo. Questi poteri forti non hanno
mai divulgato le regole del gioco. Essi possono portare via tutto e lo portano via in modo
completamente fraudolento perché nessuno sa cosa fare in proposito.
SOLUZIONE:
Bene, cosa PUOI fare in proposito? DEVI PRODURRE UN AFFIDAVIT COMMERCIALE. Non
devi necessariamente dargli un nome, ma questo è ciò di cui si tratta. Tu puoi asserire nel tuo
affidavit: “non mi è mai stato mostrato un affidavit giurato che conferisca validità alla vostra
valutazione. E il mio migliore e giustificato giudizio che non vi è alcun documento che tale affidavit
esista”. Alla fine di questo documento si pongono le richieste. Esse sono implicite e poi tu affermi:
” Voi potreste considerare la mia posizione in errore…”.
Tu sai cosa essi devono fare ora, vero? Essi devono tornare con un affidavit che confuti il tuo
affidavit punto per punto, cioè significa che devono produrre il documento che mostri la loro reale
14
valutazione, il True Bill nel Commercio, il vero affidavit giurato che dovrebbe rendere i loro
reclami nei tuoi confronti validi.
Nessun agente o procuratore di una entità fittizia può firmare un affidavit per la corporazione.
Come può giurare sul fatto se la corporazione abbia fatto o non fatto il NULLA? Essi non ne hanno
la posizione. Essi non possono e mai potranno produrre ciò. Questo significa che il tuo affidavit ha
lo status di verità nel commercio.
Tu puoi anche rendere il tutto più interessante se preferisci. Tu puoi analizzare tutte le loro leggi
Titolo 18 ed elencare l’intera lista di crimini che essi hanno commesso contro di te nel mentirti,
precluderti e vendere la tua casa ed emettere ipoteche, tasse. E questa potrebbe essere una lista
alquanto impressionante.
Se calcoli l’ammontare in denaro delle sanzioni dovute per questi reati, potresti ricevere secondo
solamente l’articolo 18 sezione 241 un risarcimento di 10,000 dollari per ogni offesa da parte di
ciascun pubblico ufficiale. Questo significa che per ogni singola violazione della Costituzione, o
legge commerciale, ci potrebbero essere 35 o 40 di queste sanzioni solo secondo art. 18. Stai per
ottenere 300 o 400,000 dollari. Quando queste cifre cominciano ad accumularsi, diventano molto
impressionanti.
Ora allega questa contabilità, la contabilità criminale al tuo affidavit, e archiviala come denuncia al
procuratore dello Stato. Questo è come mettere la volpe di guardia al pollaio, Comunque altre cose
circa questa procedura verranno spiegate più avanti in questo corso.
Per adesso, semplicemente collega il tuo affidavit e la tua contabilità criminale a un lien
commerciale. Ma aspetta! C’è anche un modo più efficace per avere indietro la tua equità –
Bancarottiere Involontario! Queste procedure verranno descritte dettagliatamente nel Corso 5.
La ragione di passare attraverso questa contabilità criminale è che attraverso le loro proprie leggi e
sistemi di valore e pene, loro hanno sospeso se stessi. Essi hanno già distinto e formulato
l’ammontare in dollari dovuto per ciascuna offesa. Quando tu emetti un lien nei loro confronti per
15
questo ammontare, essi non possono dire:” queste cifre vengono fuori dal nulla, sono irragionevoli,
da dove le hai ottenute?” Esattamente nei vostri stessi codici.
I PROCESSI COMMERCIALI SONO NON-GIUDIZIALI, PRE-GIUDIZIALI, E SONO PIU’
POTENTI DEI PROCESSI GIUDIZIALI.
Ora, tu porta il tuo lien commerciale al Segretario di Stato compilato come una dichiarazione
finanziaria UCC-1. Poi appena hai finito di compilare la contabilità criminale originale con il
Procuratore Accusatore puoi compilare questo lien contro ogni singolo agente individualmente. (La
contabilità criminale è opzionale). Loro non si possono nascondere dietro le gonne dello stato
corporativo, questa entità fittizia creata dall’uomo per potersi impegnare in perfide azioni le quali
altrimenti non sarebbero possibili in virtù delle Leggi Naturali e Morali. Semplicemente non
funzionano.
Ora tu puoi usare questa stessa procedura contro di loro esattamente come l’IRS la usa contro di te.
Tu scoprirai che tutti i procuratori, giudici e tutte le persone che agiscono contro di te pensano che
queste siano un sacco di fesserie e sciocchezze. Ma presto essi impareranno che il tuo affidavit della
verità è valido e efficace contro di loro. E si accorgeranno che le cose diventano sempre più
scomode man mano che passano i giorni. I giudici inoltre pensano che tutto ciò non funziona perché
essi possono sempre trovare un altro giudice che possa annullare tutto il tuo incartamento contro di
loro. Altri agenti del governo pensano di potersi nascondere dietro l’immunità sovrana del Governo,
dietro il potere e il prestigio, tutti i loro procuratori e tutta la loro capacità di istituire tribunali per
fare qualsiasi cosa desiderino che possa salvarli. Niente di tutto ciò ha un effetto contro tuo
procedimento.
Non ha effetto perché c’è un solo modo che possa salvarli ed è produrre il loro proprio affidavit che
confuti punto per punto il tuo e che provi che tu sei in errore. Se essi avessero fatto questo in
tribunale ciò non gli avrebbe procurato alcun vantaggio in quanto la stessa disputa ancora
esisterebbe.
16
Tutto ciò significa che il conflitto tra affidavit sarebbe combattuto all’aperto. E questo è
imbarazzante per loro perché non sarebbero in grado di cambiare nulla. Tutto ciò causerebbe loro
solo maggior danno.
La terza via per risolvere il tuo reclamo è per loro di pagarlo. Se essi non soddisfano il tuo reclamo
tu dai loro un periodo di grazia, e alla fine dei 90 giorni trasformi il Segretario di Stato nel tuo
Ufficio Acconti Ricevibili. Il Titolo Legale di tutta la loro reale e personale proprietà è ore passata a
te. Ora tu compili la documentazione corretta con il Segretario di Stato, presenti il tutto allo Sceriffo
e dici: “voglio prendere possesso delle mie proprietà”. Le cose cominciano a essere interessanti.
Tu spedisci una contabilità criminale su un pubblico ufficiale alla Commissione di Stato per le
Assicurazioni, essa diventa istantaneamente e automaticamente un lien contro l’obbligazione
dell’ufficiale, del giudice o del procuratore distrettuale ed egli è incastrato. Egli non può funzionare
senza obbligazione. Essa è tenuta in sospensione fino a che la disputa non sia risolta.
Ora, tutto ciò che di improvviso ci colga, semplicemente andiamo indietro a ciò che abbiamo
sempre desiderato, come la verità, la giustizia e la soluzione dei problemi, torniamo indietro e
troviamo le regole pertinenti in modo da avere più potere di quanto essi hanno, in modo da essere
sovrani.
Nessuno, ne un giudice, una giuria o nessun altro può sovvertite ciò o cambiare questo
procedimento.
Per fare questo dovrebbero sprofondare immediatamente il mondo nel caos. Dovrebbe esserci la
fine di tutte le leggi, l’ordine, gli standard e la civilizzazione.
Non è possibile. Essi sono bloccati. Questo forma le basi della filosofia, nel groviglio delle
consuetudini, il modo per mettere il potere dalla tua parte e contro quegli agenti del governo che
violano il tuo essere, ti ingiuriano in violazione dei loro giuramenti d’ufficio.
Questo è come, mediante i loro stessi processi, noi possiamo usare le regole del gioco per il
NOSTRO favore, invece di restare nell’ignoranza ed essere schiavizzati per sempre. Questo si
17
applica per ogni cosa, non solo per il governo. Forma un valido fondamento per la tua vita e
costituisce la base per ogni sorta di relazione con il governo. Quello che la maggior parte della
gente mai considera è che i governi non hanno e non possono avere nessun sostegno in affidavit
della verità che supportino la loro azione.
I governi inventano i regolamenti e gli statuti che impongono a te, condizionano la tua vita e la tua
posizione economica e commerciale. E nessuno avendo responsabilità o valutabilità. Essi
potrebbero avere alcuni tipi di obbligazione ma nella maggior parte degli stati questa obbligazione è
solo per circa 5-10 milioni di dollari per l’intero stato e per i suoi dipendenti. Comunque tu puoi
contabilizzare un unico semplice addebito di più di 5 milioni se lo scegli.
CODICE DEL COMMERCIO UNIFORME
La Conferenza Nazionale dei Commissari delle Leggi Statali Uniformi assieme con l’Istituto
Americano della Legge ha redatto le Leggi Uniformi Transnazionali e ogni stato ha ora adottato
queste leggi. Queste leggi governano le transazioni commerciali, incluso vendita e affitto di beni,
trasferimento di fondi, contratti commerciali, depositi bancari e riscossioni, lettere di credito,
trasferimenti di grossi depositi, ricevute di deposito, conti per carichi, assicurazioni per
investimenti, transazioni assicurate. L’UCC è stato adottato completamente o in buona sostanza da
tutti gli stati. Blacks 6th. L’UCC è un codice di leggi che governano varie transazioni commerciali –
vendita di beni, transazioni bancarie, transazioni assicurate di proprietà personali, e altre materie,
che sono state designate per portare uniformità in questi ambiti alle leggi dei vari stati, e che sono
state adottate, con piccole varianti, in tutti gli stati, inclusi il Distretto della Columbia e le Isole
Vergini. Barron’s 3rd. Non di meno organizzati da particolari capitoli di questo codice sono i
principi di giustizia e equità, incluse la legge mercantile e la legge relativa alla capacità di contratto,
principale ed agente, ostacolo, frode, falsa rappresentazione, costrizione, coercizione, errore,
bancarotta, e altre cause di validità o invalidità che possano aggiungersi alle varie fattispecie. UCC
1-103
18
Per parafrasare la terza definizione sopra riportata, l’UCC è la suprema legge del pianeta, e tutte le
altre forme di legge sono comprese e incluse in esso (eccetto tu come sovrano, naturalmente).
Pennsylvania è stato il primo stato ad adottare l’UCC (luglio 1954), e la Louisiana l’ultimo (1
gennaio 1975).
La seguente è una citazione da il MANUALE DEGLI UFFICIALI DI BANCA DELLA LEGGE
BANCARIA COMMERCIALE ALL’INTERNO DEGLI STATI UNITI, sesta edizione, paragrafo
22.01 (1) e si riferisce ad alcuni tipi di transazione:
“Queste sono dodici tipi di transazione alle quali l’UCC non si applica. Esse sono le seguenti:
“1 Interessi assicurati governati da statuti federali
“2 Lien del proprietario affittuario
“3 Lien per servizi o materiali provvisti
“4 Assegni per reclami su salari anteriori
“5 Trasferimenti da agenzie governative
“6 Alcune vendite isolate per acconti o documenti su beni
“7 Polizze assicurative
“8 Sentenze
“9 Diritti di avviamento
“10 Interessi su beni immobili
“11 Reclami su illeciti civili
“12 Acconti bancari
UCC 104 afferma: “Costruzione contro implica abrogazione”. Essendo questo codice un atto
generale inteso come una copertura unificata della materia in oggetto, nessuna parte di esso può
essere ritenuta implicitamente abrogata e successive legislazioni in tale materia devono essere
ragionevolmente evitate.
Niente nell’UCC è stato mai abrogato, e nemmeno lo potrebbe essere.
19
Nell’eventualità di un conflitto tra una sezione cancellata e una corrente, la sezione cancellata ha la
preminenza. Se ciò viene esaminato ciascuno può rendersi conto che non ci possono essere altre vie.
Potenzialmente innumerevoli transazioni commerciali potrebbero essere erose basandosi sull’UCC
corrente in ogni momento. Cancellare qualsiasi porzione dell’UCC all’ultimo punto potrebbe
causare un terremoto e gettare nel caos tutti gli accordi commerciali che erano basati sulle parti
cancellate del codice, un atto che potrebbe portare a responsabilità astronomiche inimmaginabili sui
molti attori che tentassero di effettuare tale cambiamento.
Ora dobbiamo definire gli Stati Uniti. Questo, è stato argomento del corso 2. Ma per i nostri
propositi in questa particolare sezione, dobbiamo definirli per meglio comprenderne l’applicazione a
queste procedure.
LIEN COMMERCIALE
Un Lien Commerciale è un reclamo non-giudiziale o addebito contro la proprietà di un Debitore del
Lien per il pagamento di un debito o lo scarico di un dovuto o un’obbligazione. Un Lien ha l’effetto
di bloccare permanentemente una proprietà dopo tre mesi, novanta giorni, a seguito del fallimento
da parte del debitore del Lien di rigettare l’Affidavit di Reclamo del Lien. La grazia commerciale di
un Lien è stabilita con un ritardo di tre mesi dal processo esecutivo, consentendo la risoluzione
verbale, o per iscritto, o tramite verifica da parte di una giuria entro i 90 giorni del periodo di grazia.
Un Distress (Distress, così definita in Black’s 6th) vincolata da un Affidavit informativo diventa un
Lien commerciale maturo e finalizzato e gli addebiti ricevibili novanta giorni dopo la data del
deposito. Il Diritto del Lien deve essere espresso nella forma di un Affidavit di verità giurata,
corretta e completa, con la positiva identificazione dell’Affidato. Il giuramento è basato sulla
responsabilità commerciale propria del soggetto.
Un Lien commerciale differisce da un True Bill nel commercio solo per il fatto che ordinariamente
un True Bill è privato, dove invece un Lien è lo stesso addebito pubblicamente dichiarato,
abitualmente depositato presso l’ufficio del Registro della Contea, e, come tutte queste
20
dichiarazioni, quando non contestate da un Affidavit di rigetto categorico punto per punto, è un
Titolo (15 USC) ed è acconto ricevibile.
Un Lien commerciale differisce da un Lien non commerciale nel fatto di contenere la
corrispondenza privata tra un fornitore di beni o servizi o un soggetto vittima di un torto, e un
debitore. Un Lien commerciale non richiede un processo di tribunale per essere stabilito. Comunque
un Lien commerciale può essere lanciato attraverso una giuria del Settimo Emendamento, ma non
dovrebbe essere rimosso da alcuno eccetto il Reclamante del Lien o da una giuria, propriamente
costituita, convenuta e concluso da un appropriato processo legale. Non può essere rimosso da un
processo sommario, cioè a discrezione dei giudici. Un Lien commerciale (o Distress) può esistere
nel commercio ordinario indipendentemente da un processo giudiziario, e pertanto non è strumento
della legge comune fintanto che non sia applicato da una corte della legge comune, dopo di che può
agire su un Lien della legge comune. Un Lien commerciale deve sempre contenere un Affidavit in
supporto del Reclamo del Lien e non può essere rimosso senza un rigetto completo punto per punto
dell’Affidavit del Reclamante del Lien, allo scopo di rovesciare la corrispondenza uno a uno del
Lien commerciale. Inoltre, nessun processo della legge comune può rimuovere un Lien
commerciale fintanto che il risultato e le garanzie del processo della legge comune non abbiano
completamente rigettato l’Affidavit del reclamante del Lien categoricamente e punto per punto allo
scopo di rovesciare la corrispondenza uno a uno del Lien commerciale.
COS’E’ UN TRUE BILL NEL COMMERCIO
E’ una compilazione di libri contabili e acconti con ogni voce definita. E’ il primo Affidavit,
certificato e giurato sulla tua responsabilità commerciale come vero, corretto, completo, non falso o
equivoco. Deve contenere la corrispondenza uno ad uno tra un soggetto fornitore di servizi o
vittima di danni e il corrispondente debitore. Questa relazione commerciale è conosciuta come
“Giusta compensazione” (5° Emendamento alla Costituzione), nella relazione tra il Governo e il
popolo Americano, un True Bill è chiamato a garanzia (4° Emendamento della Costituzione), e la
diretta presa in proprietà per mezzo di un atto legislativo (p.es. IRS e simili) è chiamato “Conto
21
delle Pene e Penalità” (Constitution, Art. I, Section 10, Clause I, and Article I, Section 9, Clause 3 –
“Bill of Attainder”)
C’è un’altra materia che dobbiamo definire prima di mettere tutti i pezzi del puzzle insieme in uno
strumento efficace a tuo beneficio. Questo è il Codice di Commercio Uniforme in se stesso.
STATI UNITI – US – U.S. – USA-AMERICA
Significa: (A) una corporazione federale … Title 28 USC Section 3002(5) Chapter 176. E’ chiaro
che gli Stati Uniti . . . sono una corporazione . . . 534 FEDERAL SUPPLEMENT 724.
“E’ ben stabilito che gli “Stati Uniti” sono una corporazione, originariamente creata il 21 febbraio
1871 sotto il nome di “Distretto di Columbia”, 16 Stat. 419 Chapter 62. E’ stata riorganizzata l’11
giugno 1878 tramite una bancarotta organizzata per House Joint Resolution 192 il 5 giugno 1933,
Senate Report 93-549, ed Executive Orders 6072, 6102, and 6246; creato un governo de facto,
originariamente sul tratto di dieci miglia quadrate ceduto da Maryland e Virginia e comprendente
Washington D.C. più i possedimenti, i territori, i forti e gli arsenali.
Il significato di ciò è che, come corporazione, gli Stati Uniti non hanno autorità per imporre le loro
leggi contro “Noi Il Popolo” più di quanto ne abbia la Mac Donald Corporations, eccetto che per
una cosa – i contratti che noi abbiamo firmato come garanzia per il nostro uomo di paglia con gli
Stati Uniti e con i Banchieri Creditori. Questi contratti vincolano con gli Stati Uniti e con i
banchieri non realmente noi, ma la nostra entità artificiale, o come essi la definiscono “la persona”
la quale sembra essere noi ma è scritta con TUTTE LETTERE MAIUSCOLE.
Tutto ciò è stato fatto sotto I TRIBUNALI DEL VICE-AMMIRAGLIATO.
Nella legge Inglese, il tribunale l’ha stabilita nei possedimenti della regina al di là del mare, con
giurisdizione oltre il mare, incluso quanto in relazione al premio.
22
Gli Stati Uniti d’America sono giuridicamente possedimenti della Corona Inglese in seguito
alla stipula della joint venture commerciale tra le colonie e la Corona, e la Costituzione ha
riportato tutti gli stati (solo essi) sotto la proprietà e la legge Britanniche. Il popolo Americano
comunque aveva sovranità secondo legge, indipendentemente da ogni connessione con gli stati
della Corona. Questo fatto rese necessario che il popolo fosse riportato indietro, uno alla volta,
sotto la Regola Britannica, e il processo commerciale fu il metodo scelto allo scopo di raggiungere
questo obiettivo. Prima attraverso il 14° Emendamento e dopo tramite la registrazione del nostro
certificato di nascita e di proprietà personale. Tutti i tribunali in America sono tribunali di Viceammiragliato nell’ambito del commercio privato della Corona.
ACCETTO PER VALORE E ACCETTAZIONE
Ormai tu avrai probabilmente già sentito il termine “accetto per valore”. Questo termine mi ha dato
alquanto problemi di comprensione quando l’ho incontrato inizialmente. E molta della gente che
inizia questo programma di redenzione pare avere lo stesso problema.
Quando cerchi la parola accetto in Blacks 4th edizione trovi: “ricevere con approvazione o
soddisfazione; ricevere con l’intento di mantenere”.
Con questo in mente, quando ricevi una multa stradale, o una notifica di preclusione, o qualsiasi
altra cosa del genere, il tuo primo istinto è: “oh, no. Certamente non lo accetto!” Perché qualcuno
dovrebbe volere accettare una cosa del genere?
Accettazione. Il prendere e ricevere di qualcosa in buona parte e come fosse un tacito assenso a una
parte proponente che potrebbe essere stata sconfitta o evitata se tale accettazione non si fosse
verificata.
Prima non suonava molto bene, ora sì?
Prima cosa, dovresti ora sapere cosa significa la parola “tacito” così andiamo a vedere. In Blacks
6th si afferma: “1. Esistente, dedotto, o compreso senza che sia stato apertamente espresso o
23
affermato; implica il silenzio o il silenzio assenso, come un tacito accordo o una tacita
comprensione. 2. Fatto in silenzio, implicito o indicato, ma non realmente espresso. Manifestato
con il trattenere contraddizioni o obiezioni; dedotto dalla situazione o dalle circostanze, in assenza
di materia espressa.”
Da quanto sopra io deduco che se accetto la cosa, allora c’è un accordo. I sono d’accordo con quanto
essi hanno scritto nel testo, qualsiasi cosa sia. Ma se io non lo accetto, non dicendo nulla, c’è
comunque ancora un accordo perché in non rifiuto o contraddico quello che essi dicono nello
scritto. Io so da tutte le mie passate esperienze che di certo non vorrei mai andare in un tribunale a
discutere con nessuno. Non importa quanto credi di essere nel giusto, quale legge pensi che sia dalla
tua parte, in tribunale ti sembra sempre di perdere. Che situazione difficile.
Così, perché dovrei accettare qualsiasi cosa per valore? Come questa espressione potrebbe
essere di qualche aiuto?
Bene, andiamo ancora avanti, definiamo ancora altri termini e vediamo se possiamo dare un senso a
tutto ciò.
Andiamo ancora avanti cercando sotto Accettazione nella 6° edizione Blacks. Vai avanti nella
pagina fino a Tipi di Accettazione. Sotto questo titolo vedrai Accettazione Condizionata;
Accettazione condizionata. Un accordo a pagare o accettare un’offerta al verificarsi di una
condizione.
Un’accettazione condizionata è in effetti una dichiarazione che l’accettante (che sei tu) desidera
entrare in un affare che differisce rispetto a quello proposto nell’offerta iniziale. L’accettazione
condizionata è quindi di per se una contro-offerta.
OK. Questo suona un po’ meglio. se io accetto la loro offerta con una accettazione condizionata, io
ora ho una contro-offerta da fare a loro. Ora la palla è nel loro campo, se non rispondono essi
accettano la tua offerta per tacito assenso e tu vinci. Ora questo suona molto meglio. Ma non è
ancora tutto. Cerchiamo potere dell’accettazione. In Blacks 6th edizione si dice:
24
Potere dell’accettazione: “Capacità dell’accettante (sei di nuovo tu) sull’accettazione dei termini
dell’offerta, di creare un contratto vincolante.”
Così se io accetto la tua offerta con una accettazione condizionata, allora pongo i miei propri
termini tramite i quali accetto la tua offerta, così noi ora abbiamo un contratto vincolante.
L’offerente (una municipalità o una corporazione) deve ora rispondere con una confutazione che
ponga i miei termini e condizioni in errore. Entreremo nel dettaglio di ciò nel 5° corso – Contratti,
ma prima tu devi accettare i contratti accettando di essere l’entità fittizia che lo stato ha creato
quando sei nato.
REDENZIONE
Hai saputo che STATI UNITI realmente definisce l’entità fittizia scritta con il tuo nome a tutte
lettere maiuscole come una “corporazione”? Tale definizione si trova in 15 USCA (United States
Code Annotated) sezione 44;
“Corporazione” si considera includere ogni società, o affidamento, così chiamato Massachusetts
trust, o associazione, incorporata o non incorporata, la quale sia organizzata per fare affari per il suo
profitto o per quello dei suoi membri,…
Così se lo stato ha creato questa “corporazione non incorporata” allora ha autorità su di essa? Si che
ce l’ha. E fin tanto che tu non dia loro notifica contraria, essi avranno sempre autorità su di essa.
Questo è ciò che una Affermazione Finanziaria UCC-1 fa, dà notifica pubblica che tu, la parte
assicurata, fai un reclamo contro il debitore, la corporazione non incorporata. Ora quando tu compili
questa notifica, porti questa tua entità “fuori dallo stato”, fuori dalla giurisdizione della entità fittizia
e entro un ambito privato, il tuo regno, e quindi l’entità diventa “straniera” per lo stato e diventa una
corporazione straniera non incorporata per lo stato. Suona come un ossimoro ma sto usando la
LORO terminologia!
25
Dichiarazione Finanziaria: un documento relativo a interessi assicurati sui beni di una parte
assicurata. Un documento designato per notificare a terze parti , generalmente possibili acquirenti o
prestatori, che potrebbero esserci interessi garantiti esecutivi sulla proprietà del debitore; è una mera
evidenza nella creazione di interessi garantiti, e solitamente non è essa stessa una dichiarazione
finanziaria; la dichiarazione finanziaria è prodotta dal proprietario garantito presso il Segretario di
Stato, o similari uffici pubblici, e diventa come una pubblica registrazione.
Accordo Garantito: un accordo che crea o provvede a un interesse garantito tra un debitore e una
parte garantita. UCC-9-105(h); un accordo che garantisce un creditore di un interesse garantito sulla
proprietà personale, il quale interesse assicurato è normalmente perfezionato anche dal possesso di
un bene collaterale da parte del creditore o dalla compilazione di una dichiarazione finanziaria
presso i propri registri pubblici.
Interesse Garantito: interesse sulla proprietà ottenuto a norma di un accordo garantito; una forma di
interesse sulla proprietà il quale provvede che la proprietà possa essere venduta a seguito di
fallimento allo scopo di soddisfare l’obbligazione per la quale l’interesse garantito è stato dato;
spesso il termine “lien” è usato come sinonimo sebbene lien si dovrebbe comunemente riferire solo
a interessi provvisti di garanzia che siano generati da questioni di legge, non da accordi tra debitore
e creditore.
Un accordo garantito deve esistere per compilare una Dichiarazione Finanziaria UCC-1, ma ciò
significa che deve essere scritto e allegato all’UCC-1? Possibilmente, ma che succede se si ha un
accordo verbale? Dato che il tuo uomo di paglia non può parlare come potrebbe scrivere o firmare a
suo nome? Tu puoi crearne uno e allegarlo, ma probabilmente non ne hai bisogno. Infatti ciascuno
può ancora fare tutte le procedure aministrative senza compilare un UCC-1, in quanto tu sei parte
garantita e creditore anche se non lo compili. Compilare l’UCC-1 è in realtà meglio per il tuo
beneficio che per quello di qualsiasi altro perché rende questo esoterico, intangibile soggetto più
reale di te e ti da una maggiore confidenza, e questo guadagno da solo vale ogni granello di lavoro
speso.
26
Alcuni stati ti danno da lavorare duramente per il fatto di dover compilare la dichiarazione
finanziaria perché reclamano che stai “facendo contratti con te stesso”. Per prevenire ciò crea una
separazione tra te e la corporazione del tuo uomo di paglia così che “loro” possano conoscerne la
differenza (come se non la conoscessero!). Una delle cose che puoi fare è fare un adattamento alla
tua corporazione. Una volta che questo è compilato comincerai a ricevere promozioni via posta che
ti avvertono di quali carte di credito puoi usare nei tuoi “nuovi affari”. Non ne avrai davvero
bisogno, ma questo indica che il “sistema corporativo” ora riconosce il tuo uomo di paglia come una
“entità fittizia facente affari per profitto” – una corporazione


L’UCC (Uniform Commercial Code) è il registro dei regolamenti a cui tutte le Società e le Imprese del mondo ottemperano nello svolgimento delle proprie attività.
E’ stato pubblicato nel 1952 per armonizzare la normativa delle vendite e altre operazioni commerciali attraverso gli Stati Uniti così come per scoraggiare attivamente l’uso delle formalità giuridiche nel fare contratti commerciali per consentire alle imprese di andare avanti senza l’intervento di avvocati o alla redazione di documenti elaborati.
Sono regole condivise e depositate per garantire la regolarità e la funzionalità degli scambi di merci e di beni finanziari.
L’intero sistema commerciale fa perno su leggi UCC.
Tutte le banche sono sottoposte alle regole dell’UCC.
Contestazioni, debiti e accuse in generale indipendentemente dal fatto che si tratti di un debito, un ordine da un giudice, o qualsiasi altra richiesta sono sempre guidati dalle regole del commercio, perché i governi sono società che si attengono alle regole del diritto contrattuale.
194 Paesi al Mondo, che noi conosciamo come “Stati di Diritto”, sono in realtà delle Corporations a tutti gli effetti, delle società di capitali, iscritte regolarmente alla S.E.C. (Securities and Exchange Commission) di Washington, l’organismo che regola le attività di tutte le società private, quotate in Borsa.
Quindi l’UCC è il regolamento, la giurisdizione unica sotto la quale queste Holdings agiscono ‘de facto’.”
Anche l’Italia, ‘Republic of Italy,’ è di fatto una corporation iscritta alla S.E.C. dal 1934 e sottomessa perciò alla regolamentazione americana, riservata a tutte le società di capitali privati.
Un’indagine di circa due anni condotta da parte di un gruppo di avvocati, tra cui Heather Ann Tucci Jarraf, avvocato accreditato presso il BAR Council di Londra e con la possibilità quindi, riservata a pochissimi e selezionati professionisti, di poter accedere e di conoscere l’uso degli archivi UCC, ovvero dello Uniform Commercial Code di Washington, ha mostrato le intricate e fraudolente speculazioni finanziarie e commerciali, che disattendono anche le regole e la legislazione a cui devono fare riferimento, l’UCC appunto, e di come tali pratiche siano causa diretta e inconfutata del sistema di schiavitù del debito finanziario, sia pubblico che privato.
A fronte di tali evidenze, sono stati depositati e registrati in UCC una serie di documenti di rettifica del sistema i quali, non confutati nè respinti, sono divenuti sentenze a far data dal 25 Dicembre 2012.
I documenti depositati sostengono che il debitore ( tutte le corporazioni) “consapevolmente, volontariamente e intenzionalmente ha commesso tradimento” col “possedere, operare, favorire sistemi monetari privati” e sistemi operativi di schiavitù usati contro i cittadini a loro insaputa e senza il loro consenso intenzionale.
Quando vengono depositati dei documenti all’UCC , “all’accusato” viene dato diritto di replica.
Se una replica non viene ricevuta entro i termini previsti ( 28 giorni) si applica l’azione di default seguita dalla conclusione di tale entità.
Un deposito di UCC ha POTERE di Legge se rimane inconfutato.
Banche e Governi non hanno confutato NESSUNA delle accuse depositate negli accuratissimi documenti.
Le nuove regole UCC, hanno di fatto determinato la cancellazione, la preclusione e il pignoramento di tutte le Banche e di tutti i Governi aziendali del mondo.
Tali entità giuridiche sono ora ufficialmente illegittime.
Tutti i titoli di debito societari sono cancellati.
Ora è diritto internazionale.
Ora si agisce sotto la propria responsabilità illimitata personale e non in rappresentanza di una Corporation che non esiste più.
Dal momento che i Governi, le Banche, e le corporation sono precluse, ora qualsiasi contratto viene stipulato tra individuo e individuo e non più tra società e individuo.
Chiunque abbia intenzione di confutare la validità dei depositi UCC, è invitato a redigere…
“…una confutazione debitamente verificata della DECLARATION OF FACTS (doc. UCC n. 2012127914), punto per punto, con specificità e particolarità, sotto dichiarazione giurata, sotto propria piena responsabilità, pena lo spergiuro secondo la vigente legge o di altra legge purché identificata, e sottoscritta con firma non fotostatica.” Heather Ann Tucci-Jarraf.

L’UCC (Uniform Commercial Code) è il registro dei regolamenti a cui tutte le Società e le Imprese del mondo ottemperano nello svolgimento delle proprie attività.

ucc - uniform commercial codeE’ stato pubblicato nel 1952, per armonizzare la normativa delle vendite e altre operazioni commerciali attraverso gli Stati Uniti, così come per scoraggiare attivamente l’uso delle formalità giuridiche nel fare contratti commerciali, per consentire alle imprese di andare avanti senza l’intervento di avvocati o la redazione di documenti elaborati.

Sono regole condivise e depositate per garantire la regolarità e la funzionalità degli scambi di merci e di beni finanziari. L’intero sistema commerciale fa perno su leggi UCC. Tutte le banche sono sottoposte alle regole dell’UCC.

Contestazioni, debiti e accuse in generale indipendentemente dal fatto che si tratti di un debito, un ordine da un giudice, o qualsiasi altra richiesta sono sempre guidati dalle regole del commercio, perché i governi sono società che si attengono alle regole del diritto contrattuale.

194 Paesi al Mondo, che noi conosciamo come “Stati di Diritto”, sono in realtà delle Corporations a tutti gli effetti, delle società di capitali, iscritte regolarmente alla S.E.C. (Securities and Exchange Commission) di Washington, l’organismo che regola le attività di tutte le società private, quotate in Borsa. Quindi l’UCC è  il regolamento, la giurisdizione unica sotto la quale queste Holdings agiscono ‘de facto’.

Anche l’Italia, ‘Republic of Italy’, è di fatto una corporation iscritta alla S.E.C. dal 1934, e sottomessa perciò alla regolamentazione americana, riservata a tutte le società di capitali privati.

The UCC Connection – How the Uniform Commercial Code ‘secretly took over’ the world

Un’indagine di circa due anni condotta da parte di un gruppo di avvocati, tra cui Heather Ann Tucci Jarraf, avvocato accreditato presso il BAR Council di Londra, e con la possibilità quindi, riservata a pochissimi e selezionati professionisti, di poter accedere e di conoscere l’uso degli archivi UCC, ovvero dello Uniform Commercial Code di Washington, ha mostrato le intricate e fraudolente speculazioni finanziarie e commerciali, che disattendono anche le regole e la legislazione a cui devono fare riferimento, l’UCC appunto, e di come tali pratiche siano causa diretta e inconfutata del sistema di schiavitù del debito finanziario, sia pubblico che privato.

A fronte di tali evidenze, sono stati depositati e registrati in UCC una serie di documenti di rettifica del sistema i quali, non confutati nè respinti, sono divenuti sentenze a partire dal 25 Dicembre 2012. I documenti depositati sostengono che il debitore (tutte le corporazioni) “consapevolmente, volontariamente e intenzionalmente ha commesso tradimento” col “possedere, operare, favorire sistemi monetari privati” e sistemi operativi di schiavitù usati contro i cittadini a loro insaputa e senza il loro consenso intenzionale.

Quando vengono depositati dei documenti all’UCC , “all’accusato” viene dato diritto di replica. Se una replica non viene ricevuta entro i termini previsti (28 giorni), si applica l’azione di default seguita dalla conclusione di tale entità.

Un deposito all’UCC ha quindi POTERE di Legge se rimane inconfutato. Banche e Governi non hanno confutato NESSUNA delle accuse depositate negli accuratissimi documenti. Le nuove regole UCC, hanno di fatto determinato la cancellazione, la preclusione e il pignoramento di tutte le Banche e di tutti i Governi aziendali del mondo.

Tali entità giuridiche sono ora ufficialmente illegittime. Tutti i titoli di debito societari sono cancellati. Ora è diritto internazionale. Ora si agisce sotto la propria responsabilità illimitata personale e non in rappresentanza di una Corporation che non esiste più.

Dal momento che i Governi, le Banche, e le corporation sono precluse, ora qualsiasi contratto viene stipulato tra individuo e individuo e non più tra società e individuo.

Chiunque abbia intenzione di confutare la validità dei depositi UCC, è invitato a redigere: “…una confutazione debitamente verificata della DECLARATION OF FACTS (doc. UCC n. 2012127914), punto per punto, con specificità e particolarità, sotto dichiarazione giurata, sotto propria piena responsabilità, pena lo spergiuro secondo la vigente legge o di altra legge purché identificata, e sottoscritta con firma non fotostatica.” Heather Ann Tucci-Jarraf. Questo è l’unico modo per confutare i documenti depositati.

Heather Ann Tucci-Jarraf, avvocato esperto UCC, e i colleghi amministratori, Caleb Paul Skinner, e Hollis Randall Hillner hanno quindi creato l’OPPT, che significa One People’s Public Trust.
 
Hanno creato un Trust, un contratto fiduciario collegandosi ad un articolo dell’originale Costituzione degli Stati Uniti del 1776, il XIII Emendamento recentemente ripristinato.

Il trust OPPT è stato in seguito liquidato in favore di tutti gli Esseri Umani della Terra, attraverso un fondo comune illimitato, intestato allo One People, all’Unico Popolo, non più persone giuridiche, ma Esseri Umani con diritto naturale di nascita.

Ora, di fatto, i beni contenuti nei complessi assets (fondi patrimoniali) societari di questi Paesi, banche e società finanziarie comprese, beni appartenenti agli apparati che si fingevano “statali”, sono congelati.

Tutti i documenti originali depositati da OPPT in UCC sono visionabili e scaricabili qui: http://i-uv.com/oppt-absolute/original-oppt-ucc-filings/

CANCELLAZIONE DEI GOVERNI SULLA CARTA Rif.: DICHIARAZIONE DEI FATTI: UCC Doc. N° 2012127914, del 28 Nov. 2012.

CANCELLAZIONE SULLA CARTA DELLE BANCHE Rif. TRUE BILL: WA DC UCC Doc. N° 2012114776 del 24 Ott. 2012.

AFFIDAVIT

Negli ordinamenti di common law, l’istituto giuridico dell’affidavit (voce derivante dal verbo latino medievale affidare, alla terza pers. sing. del perfetto indic., col significato di “diede affidamento/fede, giurò, testimoniò sotto giuramento“) è un atto o documento giurato, asseverato da un pubblico ufficiale preposto, avente valore di prova in tribunale.
Consiste nella dichiarazione scritta, resa volontariamente da un soggetto (detto affiant o deponent) riguardo a fatti giuridici di cui è a personale conoscenza per osservazione o esperienza diretta, confermata da giuramento (oath) o da affermazione solenne (entrambi legalmente vincolanti e con lo scopo di rafforzare la veridicità di quanto dichiarato), emessi innanzi a un’autorità giudiziaria o amministrativa specificamente deputata a riceverli e autenticarli. Questi può essere un notary public (figura diversa dal notaio dei paesi di civil law, il cosiddetto “notaio latino”), un giudice di pace o un commissioner for oaths (letteralmente “commissario per i giuramenti”), che è un soggetto in possesso della patente per l’esercizio della funzione di amministratore dei giuramenti (solitamente, ma non necessariamente, un avvocato solicitor).
L’affidavit trova applicazione perlopiù nel processo civile, ma è utilizzabile anche in quello penale.
La sua peculiare caratteristica è l’avere efficacia probatoria durante i procedimenti giudiziari; vale cioè come testimonianza giurata dell’affiant/deponent. Questo lo distingue dalla statutory declaration, una dichiarazione legale molto simile all’affidavit, ma non soggetta a giuramento e utilizzata solo in ambiti extragiudiziali.
Negli ordinamenti di civil law, funzione analoga a quella dell’affidavit è svolta dall'”atto notorio/di notorietà, detto anche “dichiarazione/attestazione giurata” (per l’ordinamento italiano, vedi l’articolo 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445).


soprattutto nel diritto anglosassone, forma di dichiarazione giurata pronunciata davanti ad un soggetto autorizzato


Cos’è un affidavit o dichiarazione giurata?
È una dichiarazione scritta formale, che espone fatti a te noti.
È firmato sotto giuramento o dichiarazione solenne, con cui affermi che quanto detto
corrisponde a verità Il tuo affidavit fungerà da prova a sostegno del tuo caso.
L’altra parte sarà autorizzata a farti delle domande sul suo contenuto durante l’udienza.
Come devo compilare l’affidavit?
Puoi compilare il modello di affidavit sul sito della Corte Suprema del Victoria e poi
stamparne una copia.
Oppure, la Cancelleria può inviarti un affidavit in bianco che puoi compilare a mano.
Gli affidavit includono una serie di brevi dichiarazioni numerate.
Ogni dichiarazione deve seguire la dichiarazione precedente in ordine logico, in ordine
cronologico, e ogni dichiarazione deve indicare un fatto pertinente al caso.
L’uso di intestazioni nell’affidavit può aiutare il lettore a seguire la storia.
Scrivi l’affidavit con un linguaggio familiare Nello stesso modo in cui parlerai quando
vieni interrogato in relazione al tuo affidavit.
Quali informazioni devo includere nel mio affidavit?
Inizia il tuo affidavit indicando il tuo nome e cognome, indirizzo e impiego.
Nel paragrafo seguente, spiega perché prepari l’affidavit.
È in risposta a qualcosa che l’altra parte ha presentato? O per sostenere una tua
istanza?
Se pertinente al tuo caso, puoi fornire alcuni brevi dettagli sulle circostanze, ad esempio
in che modo sei coinvolto nel procedimento.
Poi, esponi i fatti relativi al tuo caso, come ad esempio quello che hai fatto, visto, detto o
sentito.
Precisa le date in cui sono accaduti i fatti, dove sono accaduti e chi era presente.
Se non sei sicuro di qualcosa o non ricordi, sii onesto.
Quali informazioni non devo includere nel mio affidavit?
Evita la tentazione di includere informazioni non rilevanti al tuo caso.
Non includere argomentazioni su come la legge si applica ai fatti illustrati nel tuo
affidavit.
Avrai l’opportunità di fare argomentazioni giuridiche, chiamate “argomentazioni”,
all’udienza relativa al tuo caso.
Metti da parte le emozioni sulla disputa non includendo la tua opinione o ciò che pensi
sia successo.
Per esempio, quando descrivi le conversazioni, dichiara solo ciò che sai che è stato
detto, da chi, dove e quando.
Ciò che qualcun altro ti ha detto, che si definisce “per sentito dire”, di solito non è
accettato.
Ma se pensi di dover includerlo, devi dire che si basa su una tua convinzione.
Devi evitare di includere informazioni che tu o l’altra parte ha già dato alla corte.
Sii consapevole …
Se includi in un affidavit materiale inappropriato o irrilevante l’altra parte può chiedere
che quel materiale sia cancellato o rimosso.
Se viene accettata la richiesta dell’altra parte che venga cancellato tutto l’affidavit o
parte di esso, la Corte può ordinarti di pagare le loro spese legali sostenute per la
richiesta.
Commetti un reato grave se dichiari intenzionalmente il falso nel tuo affidavit.
Ciò può comportare severe sanzioni penali.
Allegati in un affidavit.
Gli allegati in un affidavit sono documenti come estratti conto, lettere e visure
immobiliari o altri tipi di prova, a sostegno delle dichiarazioni fatte nell’affidavit.
Gli allegati vengono tenuti con l’affidavit mentre la questione rimane in tribunale.
Dovrai nominare ciascun allegato.
Usare le tue iniziali e un numero sequenziale è un buon metodo.
Ad esempio, se le tue iniziali sono BD, nominerai gli allegati BD1, BD2, BD3 e così via.
Per fare riferimento a uno dei tuoi allegati nel tuo affidavit.
scriverai: Con riferimento all’allegato BD1.
Ogni allegato dovrebbe avere una copertina detta “Certificato di identificazione
dell’allegato” – Modulo 43A che include il nome dell’allegato.
È disponibile sul sito web della Corte Suprema o dalla Cancelleria Principale.
Ho finito di scrivere l’affidavit, Cosa faccio adesso?
Rivedi l’affidavit dopo averlo completato e controlla attentamente che sia accurato.
Quando pensi di aver terminato, devi firmare l’affidavit in presenza di un testimone
autorizzato.
Ad esempio: un legale, un avvocato patrocinante, un giudice di pace, un sergente di
polizia o di grado superiore.
Una volta firmato l’affidavit, fai delle copie da conservare e una copia da notificare
all’altra parte o alle parti nel processo.
Devi depositare l’affidavit originale firmato e gli allegati presso il tribunale.
Il modo in cui farlo varia in base ai procedimenti Se hai bisogno di ulteriori informazioni
sui procedimenti giudiziari, visita il nostro sito web o chiama la Cancelleria.

HOMO HOMINI LUPUS – (l’uomo è lupo per l’uomo)

homo homini lupus ‹òmo òmini …› (lat. «l’uomo è lupo per l’uomo»).

Proverbio pessimistico, derivato dall’Asinaria di Plauto, II, 4, 88 (lupus est homo homininon homo), che vuole alludere all’egoismo umano, e assunto dal filosofo T. Hobbes, nella sua opera De cive, per designare lo stato di natura in cui gli uomini, soggiogati dall’egoismo, si combattono l’un l’altro per sopravvivere.

ANNESSIONE TERRITORIALE “MANU MILITARI”

La Dichiarazione sulle relazioni amichevoli, adottata nel 1970 dall’AG dell’Onu con risoluzione 2625 (XXV), stabilisce con chiarezza che il territorio di uno Stato non sarà oggetto di acquisizione da parte di un altro Stato a seguito della minaccia o dell’uso della forza.

La conquista non costituisce un titolo di acquisto della sovranità nel caso in cui il ricorso alla forza che ha portato all’occupazione è consentito dal diritto internazionale.

 

 

ART. 28 COSTITUZIONE ITALIANA … (sugli operatori pubblici)

art.28 costituzione italiana
I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, 
secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. 
In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici.